Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

U2 The Joshua Tree Tour 2017

Setlist, articoli, video e foto del tour celebrativo dei 30 anni di The Joshua Tree

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Tutte le news sugli U2, U2 Innocence + Experience Tour

U2.com: Notte elettrica a Dublino

Inserito da on dicembre 3 – 11:49 | 163 visite

29 Novembre 2015

u2com 4 1 u2com 4 3 u2com4 2

‘Il primo manager del gruppo degli U2, Adam Clayton al basso
Il primo datore di lavoro del gruppo, alla batteria, Larry Mullen
Alle chitarre con un collegamento diretto con la NASA, lo scienziato del razzo di questa band The Edge … ‘

Bono, introducendo il resto della band durante Electric Co., e quanto questa band sia una società elettrica , come abbiano finito per gorgogliare a Dublino.

Donal Scannell, che ha riportato la serata di apertura di Dublino per noi, era lì di nuovo per noi l’ultima notte. Ecco la sua opinione.

Sabato sera si percepiva qualcosa di diverso da quello spettacolo dello scorso Lunedi prima già che una nota venisse cantata. Festa nella notte per iniziare. Persone che ronzano senza lavoro per cui alzarsi il giorno successivo. Questo spettacolo è stato l’epilogo dell’innocenza ed esperienza. Il finale originale della festa del Tour prevista per Dublino.

Gli U2 erano più rilassati di quanto si potrebbe essere, dopo una settimana a casa. Il concerto è stato pieno di divagazioni estemporanee di pura celebrazione. A un certo punto il palco e si è sollevato con le Queens. Dr.Panti Bliss, una grande persona che recentemente si è distinta per i diritti civili che ha galvanizzato l’Irlanda attraverso una lunga campagna per l’uguaglianza del matrimonio, è stata protagonista di Mysterious Ways.

Nonostante un anno di successo incredibile e case piene da Sydney a New York, è stata Panti che stava banchettando con l’emozione del suo  più importante palcoscenico ancora una volta. E’ stata aumentata sul palco da un ardente Imelda May mentre crepitava per Desire sul Meerkat. Questo duo dinamico più gli U2 hanno fatto il migliore selfie di sempre.

Stasera è stata la notte del ringraziamento. Bono ha elogiato la squadra che ha fatto in modo che lo spettacolo si realizzasse.

Jake Berry, che ha adattato tutto questo in ciò che ancora chiamiamo The Point Depot. Senza di lui non saremmo qui a Dublino.”

Willie Williams, Smasher, Joe O’Herlihy e Gavin Friday sono stati anche tra i tanti nomimenzionati. Ciò rende consapevoli che spettacoli come questo arrivano a causa di una squadra costruita esclusivamente per un lungo tempo.

Quello che ti abitua in fretta ad un show degli U2 è in realtà abbastanza radicale. Come vanno e vengono. Come si muovono intorno. O il piano che appare da sotto il palco per Bono e le versioni acustiche di The Edge inAngel Of Harlem eEvery breaking Wave’. Questo piano si apre attraverso l’e-stage  in un movimento agile che richiede solo pochi secondi.

Quanto pensare, impegno e azione da quante persone sono passate inosservate in questo momento dell’innocenza ed dell’esperienza ? Molteplici elementi che vanno moltiplicati per mille per apprezzare gli sforzi coinvolti per mettere su tutto questo show.

Gli U2 hanno sviluppato quello che hanno iniziato con il The Claw’ del 360Tour . Non vi è nessuna fase fissa. Non c’e ‘Us’ e Them. Gli U2 non guardando a loro, ma agli altri.

Gli U2 vivono in una Eirtopia audace di loro creazione. Una versione di Irlanda, che è migliore. Migliore perché è gratis ed è piena di amore e ambizione di essere più grande.

Ogni volta che un tour degli U2 va e viene mi sento allo stesso modo. Esaltato, ispirato e deciso ad applicare quello che ho sentito nei loro concerti alla mia esistenza quotidiana.

Mentre l’ iNNOCENCE and eXPERIENCE set salpa a Parigi mi risolvo a fare di più per aiutare i rifugiati. Questa decisione viene non solo dagli U2, ma da Stephen Hawking, che fornisce uno dei momenti indimenticabili di questo tour ogni notte.

“Quando vediamo la Terra dallo spazio vediamo noi stessi come un tutto. Vediamo l’unità, ma non le divisioni. Siamo qui insieme e abbiamo bisogno di vivere insieme con la tolleranza e il rispetto. I nostri unici confini sono il modo in cui vediamo noi stessi, l’unico confine con il nostro modo di vedere l’un l’altro. Dobbiamo diventare cittadini globali.

Questo saggio consiglio precede l‘hashtag #refugeeswelcome che rallegra tutti con tanta passione.

Quando Where The Streets Have No Name fu scritta erano i campi profughi dell’Etiopia che Bono stava evocando. Questi sembrano organizzati rispetto alle umiliazioni estemporanee che noi raccogliamo sui nostri seguaci umani allo stesso modo in cui questo duro inverno ci tiene stretti. Streets arriva subito dopo Bullet The Blue Sky’. Corrono l’un l’altro come un potente doppio atto.

Bullet è stata trasposta dal Centro America al Medio Oriente. La geografia è cambiata, ma ancora una volta si tratta di gente comune che prova il dolore. Come le parole riscritte da Bono a blandire egli stesso a fare di più e che ci sta chiedendo lo stesso

Sogno di un mondo in cui vogliamo vivere.

Egli ci offre una scelta:

“L’Europa con i suoi occhi bene aperti o un’Europa con i suoi occhi chiusi alla misericordia.”

Che cosa vuoi,”, chiede, “Io so quello che voglio. Un posto chiamato a casa. So che non diventeremo un mostro per sconfiggere un mostro perché crediamo nell’amore.

Lo spettacolo di stasera si chiude con una sola luce raggiante verso l’alto appena il pubblico canta la canzone degli U2 preferita di Dennis Sheehan in sua memoria 40′.

Dennis, mentre Bono ha spiegato:

Ha guidato questa band per 33 anni. Un uomo da Dungarvan. Quest’anno lo abbiamo perso. La sua famiglia è qui e suoneremo per loro. Dennis ha fatto iniziare a far cantare alle persone 40′ quando stavamo registrando Under A Blood Red Sky’. Questa è la sua voce nel microfono che convince la gente a cantare “.

‘How long to sing this song’, risuona bene dopo che Edge, Adam, Larry e Bono hanno lasciato il palco. Un modo bello e coraggioso per finire un’altra vita facendo valere lo spettacolo.

Affronto la notte deciso a condividere la mia fortuna con gli altri.

Ora Parigi questo fine settimana è il ri-programmato apice del Tour come un gesto di sfida nei confronti di coloro che hanno bisogno di amore nella loro vita.

Fonte | U2.com

Traduzione a cura di Daniela @daniDpVox

Tags: , , , , , ,

UA-23020968-1