Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

U2 The Joshua Tree Tour 2017

Setlist, articoli, video e foto del tour celebrativo dei 30 anni di The Joshua Tree

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Tutte le news sugli U2, U2 Innocence + Experience Tour

Noel Gallangher: “Innocence + Experience Tour…un grandissimo passo avanti”

Inserito da on maggio 21 – 14:47 | 162 visite

  
Noel Gallager, attualmente in tour negli Stati Uniti con il suo gruppo High Flying Birds, era presente al secondo concerto di San Jose della scorsa notte.
Successivamente ha parlato a U2.com. Ecco quello che pensava dello spettacolo:

“Ho pensato che fosse un grandissimo balzo in avanti come lo è stato quando vidi lo ZooTv la prima volta, che a sua volta fu un grande passo in avanti da Rattle and Hum. Se era possibile fare un grande balzo in avanti da quello show [ZooTv], lo hanno fatto stanotte.

E’ stata un’opera teatrale: inizia come un concerto punk, ma poi diventa intimo, c’è molta verità sulla loro provenienza e sulle persone che sono. A tratti è abbastanza commovente, quando vedi il filmato di persone come la mamma di Bono e dei suoi figli, roba così, che camminano lungo la strada dove sono cresciuti.

Visivamente, la band cercava di spiegarmelo da sei mesi buoni, ma non avevo ancora la minima idea di cosa fosse quello schermo di cui mi parlavano, non aveva per niente senso per me – molte cose non ne hanno, con Bono, alle quattro del mattino. Ma stasera, non mi piace usare questa espressione, questo è un punto di svolta, non solo per solo, ma per gli spettacoli in generale. Si tratta di qualcosa completamente diverso.

Non ti aspetti di avere quello schermo in quella posizione che fa quelle cose…e la bellezza di tutto ciò è che non ti distoglie dalla grandezza della band.

Sarà sempre una cosa controversa quella che hanno fatto per l’uscita dell’album, ma credo che stanotte abbia ripagato, perché le storie delle canzoni sono state raccontate visivamente e credo veramente che funzioni, in senso visuale.

Per le persone che non l’hanno [ancora] visto, loro suonano all’interno di uno schermo ed è qualcosa di diverso, è come guardare una televisione, ma è come se a volte dimenticassi che loro sono in realtà sul palco e stanno suonando dal vivo. E’ un’esperienza psichedelica.

Sono stato fan sin da “New Year’s Day” nel 1983 e li ho visti un sacco di volte. [Ma] con il massimo rispetto al mondo, quando vidi il 360° Tour ho pensato che fosse la fine di qualcosa, non in modo negativo. Ho pensato ‘questo è così sconcertante, enorme ed alto, così incredibile’, ho pensato che questa fosse la fine di qualcosa e mi chiedevo quale fosse il prossimo inizio – ed eccolo qui.

E’ stato sbalorditivo – ed è solo il quarto spettacolo. Non vedo l’ora di rivederlo.”
Fonte: U2.com | Traduzione: Gabriel Cillepi | Revisione: @elivox92

Tags:

UA-23020968-1