News

Tutte le news più importanti per tenersi aggiornati sul mondo U2

U2 The Joshua Tree 2017
Rassegna Stampa

La rassegna delle migliori testate giornalistiche nazionali

Rumors

Tutte le notizie in circolazione in attesa di ufficialità

U2360GRADI [PINK]

La rubrica tutta al femminile dedicata agli U2 scritta da Angela Barresi

Home » U2360GRADI [PINK]

Ogni maledetta domenica

Inserito da on gennaio 31 – 19:00 | 173 visite

Prendo spunto dal titolo di un film per ricordare il 30 gennaio del 1972 quando in Irlanda l’esercito inglese sparo’ sui partecipanti ad una manifestazione, provocando la morte di quattordici persone disarmate e ferendone altrettante. All’epoca Bono era adolescente, ma quell’episodio rimase impresso nella sua memoria, tanto da ispirargli il testo di ” Sunday Bloody Sunday”. Credo sia giusto ricordare l’anniversario di un evento tragico per non dimenticare ed allo stesso tempo per dire “no” alla guerra e a qualsiasi altra forma di non violenza in ogni parte del mondo.

Gli U2 e’ sempre stata una band impegnata nel sociale, una band che parla di temi “forti”, sensibile agli eventi di cui il mondo non può fare a meno di parlare. Sunday BLoody Sunday e’ nata come forma di rifiuto alla violenza da parte di un ragazzino, Bono, che può nascere tra persone che dovrebbero essere unite dal senso di fratellanza, dalla consapevolezza di far parte di una stessa nazione che amano. Il disdegno per la guerra che provoca la morte di esseri innocenti si manifesta in modo molto forte nella frase “how long must we sing this Song”, che è la stessa che Bono usa in 40, quasi a voler combattere la violenza con i sentimenti racchiusi nelle sue canzoni. Sunday Bloody Sunday e’ un po il simbolo degli U2, una di quelle canzoni che tutti, proprio tutti conoscono e che sanno attribuire a loro pur non essendo fan. Piace perché e’ una canzone da cui emerge l’amore per la propria terra d’origine, una terra il cui stesso popolo però ne altera la bellezza facendosi guerra e sporcandola con il sangue di vittime innocenti. Sunday Bloody Sunday e’ anche un po il simbolo degli U2 agli esordi, quegli U2 che molti un po rimpiangono perdendo di vista la bellezza del cambiamento che è giusto avvenga con il passare degli anni anche in fa musica. Non è giusto rimanere ancorati al passato, ma è giusto ricordare canzoni del passato che hanno qualcosa da dire, con un messaggio ben preciso che ha valore e che a ripeterlo non si potrà mai cadere nel banale.

Amo gli U2 per infiniti motivi, per la loro sensibilita’, che li ha portati a toccare temi impegnati ed impegnativi, per la coerenza che hanno sempre dimostrato nei confronti di se stessi e di chi li ascolta. Li amo per i messaggi universali e senza tempo, come quello racchiuso in Sunday Bloody Sunday: stop alla guerra ed alla violenza.

Tags:

UA-23020968-1