U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Songs of Innocence, Tutte le news sugli U2

“Storie d’innocenza” – i ricordi di Bono e dei suoi amici alla base della creazione di Songs Of Innocence

Inserito da on ottobre 27 – 20:27 | 1.290 visite

large

Songs Of Innocence si ispira ai primi giorni di vita della band a Dublino – i loro concerti, i luoghi dove hanno lasciato il segno, gli amici che li hanno seguiti.

Questa parte racconta la storia della nascita degli U2 alla fine degli anni 1970 che nessuno ha mai catturato tranne che in North Side Story, la speciale pubblicazione di Hot Press per gli abbonati ad U2.com.

Qui alcune parti di Songs of Innocence e North Side Story che determinano una combinazione perfetta.

1. Ramones riproduzione di brani per la stampa musicale.
Dopo i Ramones – scrive Bono in alcune delle note in Songs of Innocence – potrei cercare di essere me stesso come cantante.” Vedendo Joey Ramone cantare (‘come una ragazza’) aveva ispirato il frontman degli U2 a trovare il proprio stile, ma quando Bill Graham di Hot Press è venuto ad una delle prove della band nei primi giorni, è giusto dire che non era stato del tutto convinto. Paul McGuinness ricorda in North Side Story: “Hanno suonato alcune canzoni che Bill immediatamente aveva individuato fossero delle canzoni dei Ramones, il che era un po’ imbarazzante” ricorda. “Ma lui fu colpito comunque. E’ ben documentato che è stato Bill che in seguito mi fece conoscere la band e mi ha detto che sarebbe stato un buona idea gestirli”.

2. Ad un palmo delle Stranglers
I membri della band, all’epoca adolescenti, erano a vedere i Ramones ed i Clash a Dublino in quegli anni di formazione, e ‘The Miracle‘ e l’omaggio a Joey Ramone e Joe Strummer.
Nell’Ottobre del ’78, la band ha afferrato la possibilità di suonare come gruppo spalla ai The Stranglers. Larry aveva visitato il loro promotore Pat Egan in Duke Street, spiegando che gli U2 erano degni di un palcoscenico più grande.”‘Era molto gentile ed un giovane molto persistente,” ricorda Egan in North Side Story. “Così, quando i The Stranglers  mi hanno detto che non stavano portando nessun gruppo di supporto ho pensato: va bene, andiamo con questi ragazzi, gli U2.”

3. La rinuncia completa
Posso vividamente ricordare quando ho visto la prima volta i Clash” – ricorda Edge – “E’ stato a Dublino nell’ottobre del 1977 presso il Trinity College. Ha avuto un impatto enorme da queste parti. Questo non era solo dell’intrattenimento, era una questione di vita o di morte. Hanno reso possibile l’idea, di prendere sul serio la nostra band. Ci hanno mostrato quello di cui avevamo bisogno. Ed era tutta una questione di cuore“.

4. L’Irlanda nel 1970, un luogo difficile in cui crescere.
E’ stata una zona di guerra nella mia adolescenza” canta Bono in Cedarwood Road, ed un amico da una vita, Gavin Friday che viveva in cima alla strada concorda: “Sembrava una terra desolata, il modo in cui me lo ricordo, non c’era violenza incredibile ovunque a Dublino ma la quantità di percosse che ho trovato era incredibile, anche scendendo dal bus…
Ricorda che andò a vedere gli U2 al Baggot Inn, a Dublino, quando una folla dal nome Black Catholics è venuta ed ha iniziato a lanciare roba. Fu Bono a saltare giù e ad andarci contro… “E ‘stato sempre Bono e Guggi a difendermi … Cedarwood Road è sempre stata piena di persone che ammiro e che amo“, Bono scrive nelle note “…proprio come Gavin Friday.

 

5. ‘Tutti noi si chiedono il motivo per cui siamo qui …
…In the crystal ballroom underneath the chandelier” . In North Side Story, ci sono decine di punti di riferimento importanti, tra cui la posizione del McGonagles in South Anne Street, originariamente conosciuto come The Crystal Ballroom. Una generazione di persone è andato a ballare lì, compresi i genitori di Bono. ‘La canzone The Crystal Ballroom mi fa immaginare me sul palco del McGonalgles con la mia nuova band chiamata U2 – dove abbiamo suonato molti nostri primi concerti – e vedo mia madre e mio padre ballare romanticamente insieme agli U2 sul palco“.

6. La star di copertina del ragazzo che è stato anche uno dei vicini
Sulla strada dalle Hewsons su Cedarwood Road hanno vissuto i Rowens. “Quella famiglia erano come una tribù del Vecchio Testamento” scrive Bono “Ho imparato molto da loro”. Il suo caro amico Derek Rowen – aka Guggi. Uno dei più giovani fratelli Rowen, Peter Rowen, divenne poco più tardi un’icona della discografia degli U2, facendosi fotografare a 5 anni per la copertina di BOY e poco più tardi in WAR, ed apparse nel video di Two Hearts Beat As One.
Bono stava molto spesso a casa nostra” ricorda Peter in North Side Story. “Io ero solo un ragazzino, ma uno dei miei fratelli maggiori mi aveva detto che mangiava con noi panini con marmellata perché sua madre morì quando era molto giovane, quindi la sua casa era spesso vuota e che sarebbe venuto per avere un po’ di compagnia“.

7. Le prime influenze artistiche su Cedarwood Road
Guggi è stato amico e confidente per tutta la carriera degli U2. ‘Ho dipinto con Bono fin dall’infanzia,’ ama ricordare, in North Side Story. “Suo papà ha creato un paio di tavolini per noi nel garage della casa bifamiliare su Cedarwood Road, dove ha vissuto. Il padre di Bono, è stato un pittore ed il nostro critico“.
Guggi ha continuato a diventare, secondo Hot Press Editor Niall Stokes, uno degli artisti di maggior successo della generazione moderna in Irlanda.
Mentre l’atmosfera pesante a Dublino stagnava tra i ragazzi gli U2 incarnavano il totale cambiamento, la pittura è rimasta una parte importante per gli ex residenti di Cedarwood Road. “Più tardi, durante la realizzazione di The Joshua Tree” scrive Guggi, “la band prese una grande casa sulle colline di Dublino con un sacco di stanze dove avevano creato il loro studio, e Bono, io, e Gav [Friday] ci siamo chiesti se mai ci saremmo tornati a dipingere, e lo abbiamo fatto.”

songs of innocence8. Più forte della paura
Un’altro del clan Andy Rowen, ha ispirato la canzone Raised By Wolves. Era in Talbot Street, chiuso in furgone di suo padre, il 17 maggio 1974, quando una bomba è esplosa, uccidendo 33 persone. La canzone recita: ‘Sono in un furgone bianco come un mare rosso copre il terreno.”
Presentando il libro, Niall Stokes descrive come nel 1970 a Dublino ha giocato un ruolo cruciale nell’aiutare i giovani a contrastare sia il disagio sociale che le difficoltà politiche. ‘Il settarismo e l’isolazionismo che afferrò il paese per … 50 anni ha avuto un effetto repressivo incredibilmente negativo” dice, “Eppure, in questo momento cruciale nella storia della città, una razza meno convenzionale di artisti e attivisti, pittori, poeti, drammaturghi, attori e musicisti riuniti [nel Project Arts Centre], in uno spirito di sperimentazione e di avventura.’

9. Sangue arancione del tramonto si porta in ginocchio.
Era la primavera del 1981, quando gli U2 atterrarono in California per il loro primo concerto a Los Angeles. E Charlie McNally, dublinese ma in esilio a Los Angeles, era pronto a lanciare la band negli Stati Uniti. “La band ha suonato nel Country Club” ha riferito, “la più prestigiosa sede a Los Angeles, dove gli U2 la presero letteralmente d’assalto”.
Un giovane Paul Hewson aveva chiesto McNally solo due anni prima se gli U2 pavrebbero potuto suonare allo Stardust [una discoteca] in Artane. “Non potevo pensare che solo due anni più tardi avrei visto la band suonare” ha scritto McNally “Questa sera, ho avuto il piacere di vedere un minuscolo punto nella storia della musica rock irlandese … il debutto degli U2 a Los Angeles.”

 

Fonte | U2.com

TRADUZIONE A CURA DI LUKA CARNEVALE

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

UA-23020968-1