Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

U2 The Joshua Tree Tour 2017

Setlist, articoli, video e foto del tour celebrativo dei 30 anni di The Joshua Tree

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Tutte le news sugli U2

Intervista a Willie Williams , il designer dei tour degli U2

Inserito da on marzo 15 – 09:00 | 237 visite

 E’ uscita un’interessante intervista rilasciata da Patrick Dupuis del sito “blogue art tv”, al progettista e designer dei tour degli U2: Willie Williams

Raccontaci un ricordo della tua infanzia che ha permesso di sviluppare il tuo interesse per il mondo dello spettacolo.

Mio padre faceva parte di una compagnia d’opera. Quando avevo 14 anni, feci la comparsa in alcune produzioni teatrali al teatro Sheffield Crucible (Inghilterra), tra cui nel Carmen e nell’Aida . Questo è stato il mio inizio.

85th Annual Academy Awards - Show

Quali sono state le tappe che ti hanno portato nel mondo dello spettacolo?

Ho conosciuto l’illuminazione degli spettacoli dove si esibivano alcuni amici che frequentavo e che facevano parte di una band. Era il 1977, e il punk rock era al suo apice,  in quegli anni ero molto occupato a cercare di fuggire da casa. Ho fatto amicizia con questi gruppi ed ho iniziato a giocare con l’illuminazione nei loro spettacoli. Sembrava un modo divertente per mettersi in gioco e non avevano nessuno che facesse questo lavoro. Dopo alcuni anni, mi sono reso conto che questo poteva (più o meno) salvare la mia vita e tenermi occupato, quindi mi sono detto che avrei potuto pure continuare. E’ a questo punto che ho cominciato a vedere me stesso come un tecnico dell’illuminazione.

Tu sei un uomo pieno di idee. In cosa consiste il tuo processo creativo?

La causa più frequente di ispirazione è l’osservazione. A volte il processo può richiedere anni. Vedo qualcosa che mi piace, l’atmosfera, la conservo nella mia memoria e la mantengo fino a fondersi con un’altra idea simile.

Quali sono i tuoi strumenti preferiti per creare? Matita, carta, computer, nient’altro?

Tutto ciò che hai detto, davvero. Io lavoro con un mix caotico di strumenti: disegno a mano libera, scansione, software di disegno, computer e Photoshop. Tutto inizia nella mia testa.

Sei dentro tutti i tour degli U2 fin dalla loro nascita. Qual è il tuo ruolo nella creazione di questi spettacoli?

Il mio ruolo principale è quello di direttore artistico. Io sono il punto focale del team creativo. Questo non significa che tutto vada secondo la mia strada, spesso è il contrario. Con così tanti dipendenti, semplicemente devi essere un leader.

Descrivi una giornata tipica di lavoro con i membri degli U2 e i tuoi dipendenti.

Onestamente, non c’è davvero alcun giornata tipo. Il processo è in continua evoluzione nel corso del progetto. La comunicazione è sempre la chiave. Tutti dovrebbero sapere che cosa succede durante il processo di creazione, è di vitale importanza.

Ti senti libero nella creazione questi enormi progetti?

Sì, ma sempre in uno spirito di collaborazione. Ad ogni modo, diventa un ambiente libero dove le idee possono crescere. Quando il gruppo si sente fiducioso, tutto ciò che conta è quello di raggiungere un grande risultato. L’origine delle idee non è importante.

Donare emozioni ad una folla enorme, è la chiave per un buon spettacolo?

Stranamente, lo strumento più efficace per creare emozioni è l’anticipazione. Creare un momento in cui la folla si rende conto, improvvisamente, di che cosa sta per accadere. Quel momento in cui si vuole gridare “Sì!”. Poi è il risultato finale che conta di più: la creazione di una dinamica che provoca un crescendo di emozioni.

La cosa più preziosa e più rara in un concerto è quello di trovare un tempo che combina l’anticipazione all’emozione. E ‘quasi impossibile da fare. Ma con gli U2, succede dalle prime note della canzone “Where the streets have no name” . E ‘sempre un momento straordinario.

Come si fanno a realizzare le tue idee attraverso un fitto calendario?

È necessario prendere le scadenze sul serio e lavorare per soddisfarle. E ‘inutile proporre l’impossibile da raggiungere.

Oggi le nuove tecnologie aiutano a liberare la vostra già illimitata immaginazione?

Personalmente, la tecnologia può spesso aiutarmi nell’ispirazione, ma l’abuso può essere controproducente. Il miglior esempio sono gli schermi a LED onnipresenti, il che rende il 99% dei pop rock show simili.

E’ giusto affermare che il denaro non è mai un ostacolo in questi tipi di “mostruosi” progetti? L’obiettivo è di avere solo l’idea migliore?

Hai sbagliato tutto! Più il bilancio è grande, più c’è pressione. Con un piccolo budget o addirittura inesistente, devi essere abile nel come realizzare la tua visione. Il controllo delle finanze di un grande progetto è molto intenso. Se uno spettacolo diventa più costoso del previsto, i ragionieri lo devono già studiare. Con un piccolo budget, ognuno si sente più rilassato.

 I membri degli U2 sono persone creative?

Molto creativi, sì. Si inizia solitamente con una conversazione con loro. Dove stanno andando, in che cosa sono interessati, cosa pensano, tutti questi elementi alimentano il concetto di spettacolo. Loro hanno anche idee molto precise. Questo è un grande aiuto nel processo di collaborazione.

Cosa ti spinge ad essere fedele agli U2 fin dalla loro creazione?

Sono unici. Nessun altro gruppo è rimasto creativo e rilevante per così tanto tempo. E’ facile voler rimanere coinvolti con loro.

Su che cosa stai lavorando adesso?

Attualmente sto lavorando su diversi progetti: un tour con Robbie Williams, uno spettacolo con il comico Dawn French, una festa per la primavera del 2015 e sto cercando di progettare un nightclub.

Parteciperai al prossimo tour-concept degli U2?

Sì.

Hai qualche rumors su questo nuovo tour?

Sarà un po’ meno imponente rispetto al precedente 360° tour.

Hai qualche suggerimento per i progettisti alla ricerca di nuove idee?

Non cercate idee nella disciplina in cui si lavora. Guardate alle altre forme d’arte e lasciatevi ispirare. Portare le idee che provengono dai luoghi più inaspettati. E mai, mai iniziare un progetto con una lista delle attrezzature.

Fonte | blogue.artv

Tags: , , , , , , , ,

UA-23020968-1