U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » U2360GRADI [PINK]

Gli U2 secondo Paulo Vetri

Inserito da on marzo 9 – 09:00 | 449 visite

Questa settimana ho il piacere di condividere con voi la storia di come è nata la passione per gli U2 da parte di un ragazzo che ha seguito il 360 tour e lo ha reso visibile a tutti noi attraverso un video strepitoso: Paulo Vetri. Personalmente lo ringrazio per il suo lavoro e per la disponibilità dimostrata  nei miei confronti.

Cosa posso dire della mia passione per gli U2? Beh, il tutto ebbe inizio non molto tempo fa..

Ero nel soggiorno di casa, era la notte del 20 Febbraio 2006, quando i miei genitori mi dissero che in tv avrebbero visto il concerto live di una band dei loro tempi. Subito pensai che sarebbe stato noioso, avevo già visto altre band dei tempi dei miei genitori e a me decisamente non erano piaciuti. Immaginavo sarebbe stata la stessa cosa. Ma non fu così. Quando iniziò il Vertigo Tour a San Paolo rimasi davanti alla tv con la bocca aperta. All’epoca non mi piaceva molto la musica, non so perché. Avevo quindici anni. Non appena sentii l’assolo di The Edge in City of Blinding Lights mi resi conto che stava accadendo qualcosa di magico nella mia mente. L’inizio del concerto mi fece rimanere inchiodato al divano. Non avevo mai visto un concerto del genere prima; non mi era mai piaciuta così tanto la musica nonostante avessi visto molti altri show. Ma quello era completamente differente. Quel sound mi fece innamorare. Canzone dopo canzone mi ha fatto impazzire. Quando Bono esclamò UNO, DOS, TRES, non riuscii a sentire il seguito, perché la sua voce era stata sopraffatta da quella del pubblico. In quel momento esclamai una parolaccia! Credo che la primissima volta in cui mi sono innamorato degli U2 fu il momento in cui le bandiere iniziarono a muoversi sullo schermo e iniziò Where The Streets Have No Name…è sicuramente la canzone che più ho amato del concerto e che amerò per sempre. Non avevo ancora mai visto una folla del genere saltare così tanto. A concerto concluso mi sentii avvolto da uno stato di grazia.Nelle settimane successive ho cercato su internet tutto sulla band e ad ogni cosa che scoprivo su di loro il mio amore cresceva. Il 20 febbraio è un giorno molto speciale per me, è il giorno in cui sono rinato, perché ho conosciuto qualcosa che mi ha tenuto in vita fino ad ora, nel vero senso della parola.

Di tutti i loro album, ritengo che Achtung Baby sia il più significativo nella storia della band. Bono stesso ha detto che  AB è la ragione per cui loro esistono oggi. E’ uno dei loro migliori album, secondo solo a The Joshua Tree, per me l’album più bello. Se un giorno finissi su di un’isola deserta, sicuramente porterei con me The Joshua Tree come album da ascoltare per sempre. Mi riporta ad un momento davvero felice della mia vita, ed inoltre contiene tre delle più grandi canzoni in assoluto degli U2: “.Where The Streets, I Still Haven’t Found e With or Without you”.

Mi piacciono molto di più le canzoni live rispetto a quelle contenute negli album; certo dipende dalla circostanza in cui mi trovo, ma solitamente amo molto i live. Gli U2 stessi preferiscono le loro performance dal vivo, ed io sono d’accordo.

Parlando del mio lavoro nella realizzazione del video sull’ultimo tour, posso dire di aver visto cose di cui non ci si accorge guardando il video ufficiale. Per esempio ho visto The Edge fare esercizi di stretching mentre Bono parlava prima di Moment Of Surrender, questo è accaduto nell’ultimo spettacolo del 360Tour in Brasile. Ho anche visto Larry perdere molte volte le bacchette durante l’esibizione di una canzone. Questo è diventato un classico. Una volta l’ho visto arrabbiato, ho visto Bono sentirsi poco bene durante Magnificent a Coimbra, ma la sua professionalità l’ha spinto a continuare.

Difficile trovare qualcuno che odi gli U2. I miei genitori li amano, così tanto che sono stati loro a farmeli conoscere. Mia madre ama The Edge e la sua canzone preferita è Van Diemen’s Land (anche se non conosce il titolo della canzone); mia sorella ama One, soprattutto nella versione con Mary J. Blige e Kite. Ma ci sono stati dei momenti in cui li hanno odiati, quando li ascoltavo in continuazione senza sosta. Mi dicono che ho buon gusto nella musica. Il mio video preferito è quello di Where The Streets, non solo perché è la mia canzone preferita, ma per come è stato realizzato. E’ davvero forte. Penso di non aver mai visto un video paraogonabilmente bello.

Ascolto anche altri artisti, amo Michael Jakson, i Beatles, Led Zeppelin, Elthon Jhon, Coldplay e molti altri, ma gli U2 sono unici in tutti i sensi. Non trovi i loro nomi coinvolti in scandali di qualsiasi genere. Aiutano il mondo, la loro musica ha segnato la mia vita, mi hanno salvato dalla morte..hanno un modo di comportarsi nei confronti dei fan completamente diverso da altri personaggi famosi. Molte band passano con le loro auto di lusso vicino ai fan senza neanche salutare. Ma non gli U2. Loro fermano l’auto, escono, vanno incontro ai fan ed alla fine ringraziano sempre, il che dimostra la loro umiltà e l’affetto che hanno nei nostri confronti.

Oggi non sto facendo molti video sugli U2 perché sono parecchio impegnato, ma quando posso lo faccio, con immenso piacere.

Paulo Vetri

http://www.youtube.com/watch?v=-yw1oC_BOlk

Tags: , , , , ,

UA-23020968-1