U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Tutte le news sugli U2

Come è nata Pride?

Inserito da on gennaio 22 – 22:13 | 1.788 visite

MLK, oltre a molte altre cose, fu musica…

Il ritmo e la melodia che impregnò Martin Luther King Jr. fu evidente non solo nella forma in cui si muoveva e parlava, ma anche nella maniera nella quale ispirò la musicalità ad altri. Uno dei grandi oratori del nostro tempo, se non di tutti i tempi, il dominio del linguaggio di King fece dei suoi discorsi lirici un’affermazione della vita.

Nella sua persecuzione non violenta per l’uguagianza nei diritti civili, un discorso di Martin Luther King Jr. era sufficiente per alzare passioni, le sue parole non suonavano come cornamuse o una tromba di cavalleria, ma ascoltare la sua voce ti elettrificava immediatamente.

Fu uno strumento che per diritto gli valse il premio Nobel della Pace, ed aiutò a solidificare il suo lascito come un leader intellettuale per anni attraverso emblematici discorsi “I have a dream”, e tanti altri.

“Pride” – Un viaggio emozionale

Non c’è da stupirsi, quindi, che la loro influenza è stampata in quello che tradizionalmente chiamiamo musica, canzoni, chitarre, batteria, basso e tastiere. Dal esempio di Michael Jackson e Paul McCartney, da Orb a Linkin Park, e molti altri, MLK è servito come una potente fonte di suono.

Senza dubbio, uno dei tributi musicali più grandiosi a Martin Luther King viene da “Pride, In The Name Of Love,” l’opera maestra degli U2 nel disco del 1984 “The Unforgettable Fire.” “Pride” è una delle confluenze cosmiche che definiscono un classico: il lavoro di una chitarra meravigliosamente ritmica di The Edge, il gran ritmo del batterista Larry Mullen Jr. è contemporaneamente complessa e semplice. Il suono riflessivo del basso di Adam Clayton, ed infine l’incomparabile voce di Bono Vox, incominciando con una sorprendente tranquillità nel verso prima di elevarsi a spaventose altezze nel ritornello.

“Pride” è una canzone strutturalmente semplice, e questo ciclo a spirale verso l’alto è rotto solo dal ponte. Un segno di 1 minuto e 40 secondi fa apparire quella che è certamente la disposizione di chitarra più complicata mai registrato nella storia del rock: otto ripetizioni consecutive della semplice stessa nota, squisitamente alimentato dalla batteria dei pedali, di delay ed altri effetti di The Edge.

Se “Pride” ti piace, allora la tua esperienza con la canzone è di 3 minuti 49 secondi di perfezione. Qualunque parte si ascolti, voce, chitarra, basso, batteria sono profondamente commoventi.Il gruppo di voci che appaiono nel terzo coro è un elemento perfettamente imperfetto che porta in qualche modo “Pride” ancora più in alto, e collega la band con coloro che ascoltano, cambiando il protagonista, un giro intorno ad un focolare dove 1 milione di persone possono facilmente unire le mani.

Come MLK stesso, la canzone diventa molto in così poco tempo. E in un altro parallelo, piuttosto che diminuire, il potere di “Pride” cresce solo con l’esposizione ripetuta.

Vista dallo studio

Una persona con una prospettiva unica sul monumento musicale al suono di MLK e degli U2 ingegnere è l’ingegnere del suono Kevin Killen . In collaborazione con i produttori di “The Unforgettable Fire”, Brian Eno e Daniel Lanois nella sua nativa Irlanda, Killen ha partecipato a numerose sessioni di registrazione degli U2.

Come parte del team di ingegneri che ha registrato gli album “War” e “Under A Blood Red Sky” degli U2, Killen era stato invitato in primo luogo dalle capacità notevoli della band. Come è stato ben documentato, la prima serie di sessioni di “The Unforgettable Fire”, si sono tenute presso lo Slane Castle nella contea di Meath, con un sistema di registrazione portatile da 24 canali forniti da Effanel casa discografica di Randy Ezratty. Dopo un mese di lavoro allo Slane, gli U2 e il resto della squadra si trasferirono ai Windmill Lane Studios di Dublino per finalizzare il disco.

Prima che potesse raggiungere la condizione incontaminata che sentiamo oggi, Killen ha ricordato che “Pride” ha dovuto superare alcuni scontri gravi prima del completamento in Windmill Lane. ” Ci sono stati due problemi. Bono non aveva ancora concluso la parte finale del brano, e poi la parte di batteria di Larry si stava rivelando difficile da attuare nella canzone, soprattutto nella parte con il coro.”

“Ma poi Bono è stato finalmente in grado di ottenere le parole nel modo che voleva. Non era una parola il problema, ma stava cercando di esprimere il sentimento esatto. Sapeva quello che stava cercando di dire, ma è stata una sfida farlo bene. ”

Il momento della creazione, quando Bono trovò quello che stava cercando, è stato subito chiaro a tutti in Windmill Lane. ” La prima volta che ha cantato il testo finito tutti nella sala di registrazione, si guardarono in faccia e dissero:  ‘E’ così che deve andare!’, “dice Killen. ” E ‘stato così evidente che si sentiva a suo agio cantare quelle parole. ”

Le ultime righe della poesia erano arrivate. Avevano scritto il grande Martin Luther King Jr., ma avrebbe potuto essere parlata così facilmente, in uno dei suoi discorsi memorabili: ” 4 aprile mattino presto / Lo sparo un eco nel cielo di Memphis / Libero infine, ti han tolto la vita / Non sapevano come toglierti l’orgoglio.

Gran parte di “Pride” è stata registrata e poi improvvisamente è arrivato il momento di passare al livello successivo. Un microfono AKG C12 aspettava Bono, assieme ad un preamplificatore collegato alla console SSL con un compressore Serie E LA-2A inseriti nei bus di uscita.

Nella misura in cui il cantante si avvicinò al microfono nella sala live, Killen si introdusse nella sala di registrazione, una mano pronta sul telecomando del registratore Otari MTR 90, ed il giovane ingegnere era pronto a registrare quello che non si scorderà mai.

“L’ha cantato in una sola volta, “dice Killen. ” Mi ricordo digitando sul registratore. perfino i capelli del mio corpo si rizzarono. Fu un momento molto emozionante. Ha detto qualcosa di così conciso e così perfetto sulla vita di Martin Luther King. ”

Impatto duraturo

Killen ha avuto il grande privilegio che solo un ingegnere del suono, dei produttori e la band di un artista può sperimentare: essere lì nei momenti magici della registrazione di un brano classico, dopo aver sentito il primo suono che raggiungerà milioni di orecchie per anni e anni.

E, naturalmente, Killen non era l’unico che rabbrividì al suono di “Pride (In The Name Of Love)”. Uscito come singolo da “The Unforgettable Fire” nel settembre 1984, è stato il più grande successo fino ad oggi degli U2, rompendo la Top 5 nel Regno Unito, e la Top 40 negli Stati Uniti. Nonostante, raggiunse solo la 33° posizione nel “Hot 100” della Billboard, “Pride” fu inesorabilmente connessa col cambiamento che portò gli U2 ad essere quello che sono oggi, una band molto, ma molto Rock.

“Quando la band è arrivata qui nel 1984, “Killen dice,” c’è stata una reazione molto positiva per la canzone. Ed è stato molto speciale, derivata dal fatto che la band stava cercando di fare qualcosa di diverso dai tre records precedenti.”

“In quel tour, erano troppo giovani per suonare nelle sale con 2500 o più posti a sedere. Sei mesi dopo, stavano suonando nelle arene e ho visto la loro carriera decollare, dopo il rilascio di quell’album, ad un livello più alto. E quando li vedi eseguire ‘Pride’, ti rendi conto che è basso, batteria, chitarra e voce senza fronzoli funzionano semplicemente in modo fantastico, molto potente, molto emozionante.”

Essere lì

Quando emergono grandi leader, il loro potere di ispirare l’azione e l’arte è un dono per loro e per il mondo. Cresciuto in Irlanda, è ragionevole aspettarsi che Kevin Killen non avesse idea che la vita di Martin Luther King avrebbe contribuito a realizzare l’ispirazione di molti nel settore della musica.

“In questo momento lavoriamo con loro, molti ingegneri attendono che le canzoni che diventino classici, “dice Killen, la cui carriera di vincitore di Grammy continua, con le registrazioni per artisti come Peter Gabriel, Elvis Costello, Kate Bush, Jewel, Bon Jovi, Shawn Colvin, Shakira, Sugarland, Bryan Ferry, e Duncan Sheik. ” Quando si arriva a essere parte di uno, o più di essi, si diventa essenziali per la loro carriera. Sarai sempre associato ai loro progetti, e quello non possono togliertelo mai. Se il vostro coinvolgimento è lungo o corto, sempre si rimarrà collegati.”

“Quando mi siedo e ascolto ‘Pride’,” continua,” mi ricordo la sequenza cruciale degli eventi che si sono verificati quando il brano è passato da essere difficile a esse registrato. Ti guardi intorno nella stanza, e ti rendi conto che hai catturato un momento molto speciale. quel momento rimarrà per sempre.”

Ingegneri e produttori devono desiderare ed essere fortunati a trovarsi nel posto giusto al momento giusto. Ma Kevin Killen sa che i professionisti audio che si concentrano sulla musica, possono anche attivare la ricerca di un classico in una profezia che tende ad essere soddisfatta per loro stessa natura.

Ovviamente, tutti vogliamo lavorare con un artista che ha qualcosa da dire”, dice. “Il nostro lavoro è creare in qualche modo lo scenario affinché veramente possano esprimersi attraverso quel mezzo, e trasmettere quello che essi cercano di tirare fuori. Se puoi essere parte di quel processo, può essere molto gratificante non solo per te, bensì per l’artista.”

Provare

In un caso magico le cose girano dal punto di partenza, una luce fece si che MLK brillò tanto brillantemente che permise a molti milioni di esprimere quello che realmente erano.

Equipaggiati dalle loro voci e punti di vista, spesso con l’ausilio di un microfono, Martin Luther King Jr. ha gestito un movimento che ha chiaramente influenzato il mondo. Gli U2 sono stati tra i molti che avevano sentito la sua chiamata. Essi riflettono quello spirito per sempre in una canzone.

Non importa quale sia il vostro stile di vita, la possibilità di avere una mano un lavoro eterno, o anche in un atteggiamento che cambia il mondo, può essere più vicino di quanto si pensi. È inoltre possibile creare qualcosa che ci elevi. Ognuno di noi dovrebbe certamente provare.

Tags: , ,

UA-23020968-1