U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » U2360GRADI [PINK]

Ricordi di una fan

Inserito da on agosto 28 – 15:30 | 646 visite

Qualche settimana fa ho ricevuto una e-mail da una ragazza, una fan, che voleva condividere con me un ricordo, uno dei suoi ricordi più cari e forti legati alla musica ed alla passione per gli U2.

Il ricordo risale a qualche anno fa, anzi, un pò di più, alla fine degli anni ’90, verso la fine dell’estate, quasi come fosse oggi. Un giorno, un suo amico del mare le regalò una cassetta da lui registrata con “Actung baby”, l’ultimo grande successo degli U2. Quello doveva essere il regalo per la loro prima uscita ufficiale insieme, ma al posto della classica rosa rossa, lui decise di fare qualcosa di diverso da solito.E lei lo apprezzò molto. La ragazza conosceva poco gli U2, a parte le canzoni che passavano alla radio, da “Sunday Bloody Sunday” a “Pride” o “Bad”; ma non aveva avuto ancora quella sorta di colpo di fulmine, di vera “folgorazione” che ebbe quando ascoltò per la prima volta “One”. Quella cassetta divenne la colonna sonora di quella fine estate e gli U2, nel suo immaginario, divennero i suoi idoli; quattro uomini avvolti da fascino, bravura ed un briciolo di immortalità. Non c’era sera in cui “So Cruel” o “Who’s Gonna Ride Your Wild Horses” venivano ascoltate una, due, tre volte di seguito fino a quando qualcuno dei famigliari veniva a bussare fuori dalla stanza per avvisare che era tardi e che gli zii del piano di sotto stavano dormendo.

Quell’estate la ragazza si innamorò degli U2 e di quell’amico che già li conosceva e li portava con sé ovunque andasse, dallo stereo in auto, a casa, sul lavoro e nei viaggi in giro per il mondo.

Ecco, avevo il piacere di condividere questa testimonianza per ringraziare “ufficialmente” questa mia amica e per i complimenti che ha fatto al sito U2360GRADI.IT, alla rubrica 360Pink ed anche al più recente libro “Tutto ciò che voglio sei tu”.

A Laura, grazie.

Tags: , , ,

UA-23020968-1