News »

27 agosto 2014 – 16:30 | 377 visite | Edit Post

E bene, siamo con i brividi lungo la schiena, ma quanto letto in questo istante dagli amici di U2Tourfans.com ci stampa un grande sorriso sulle labbra. Secondo quanto riportato, avrebbero contattato una fonte a loro …

Leggi l'articolo completo »
News

Tutte le news più importanti per tenersi aggiornati sul mondo U2

curiosità & gossip

Tutte le curiosità dal mondo del gossip

Recensioni & Speciali

Recensioni, rarità, B-Side e ricchi Speciali per coloro che amano approfondire

Rumors + New Album
U2360GRADI [PINK]

La rubrica tutta al femminile dedicata agli U2 scritta da Angela Barresi

Home » curiosità & gossip

Intervista per Killing Bono

Inserito da on 13 novembre 2011 – 19:13 | 6.154 visite

Ben Barnes ‘versatile talento vocale sicuramente venuto in pratico quando ha dovuto girare la commedia “Killing Bono.” Non solo l’attore inglese deve padroneggiare un accento irlandese per il suo ruolo nel film, ma anche Barnes ha dovuto ritrarre una roccia wannabe stella che continuava a cambiare il suo stile di canto. (Barnes ha fatto tutto il suo canto proprio nel film.) “Killing Bono” si basa su memorie musica giornalista Neil McCormick dello stesso titolo (titolo originale del libro era “I Was Bono Doppelganger”), che descrive la sua lotta per essere in una band di successo, mentre quattro suoi ex compagni di scuola da Dublino è diventata la superstar degli U2. Il titolo del libro è stato ispirato dal cantante leader degli U2 Bono, che una volta ha scherzato a Neil McCormick: “Io sono il tuo sosia. Se vuoi indietro la tua vita, dovrai uccidermi. ”
In “Killing Bono” film (che avviene principalmente a Dublino e Londra 1976-1987), Neil McCormick (interpretato da Barnes) e suo fratello minore Ivan McCormick (interpretato da Robert Sheehan), passare attraverso una serie di disavventure sul loro fallito tentativo di diventare più grande di U2. Lungo la strada, i fratelli McCormick forma diverse band (con Neil come cantante e Ivan alla chitarra), e incontrano un cinico record di amministratore della società di nome Hammond (interpretato da Peter Serafinowicz), un gangster di nome Danny minaccioso Dublino Machin (interpretato da Stanley Townsend), un padrone di casa vistosamente gay di nome Karl (interpretato da Pete Postlethwaite, nel suo ruolo di ultimo film prima di morire di cancro nel gennaio 2011) e un vicino di appartamento impertinente di nome Gloria (interpretata da Krysten Ritter), che diventa amica di Neil e direttore dei fratelli McCormick ‘banda Shook Up. Bono è interpretato da Martin McCann, che ha una forte somiglianza al reale Bono.Pubblicità
Ci sono molte cose nel film che sono romanzata, ma essenzialmente concetto principale della storia è la stessa: I fratelli McCormick ed i membri degli U2 incontrati la prima volta quando erano adolescenti, e l’ambizione di Neil per diventare una rock star è stata in gran parte alimentata dalla sua invidia di ciò che Bono aveva realizzato con gli U2. “Killing Bono” è stato pubblicato nel Regno Unito e in Irlanda nel mese di aprile 2011. Negli Stati Uniti, il film è diventato disponibile attraverso il video on demand nel mese di ottobre 2011, e ha iniziato una distribuzione limitata negli Stati Uniti sale cinematografiche nel mese di novembre 2011. (Barnes è aumentato a fama come il Caspio leader del reale nel secondo e terzo “Cronache di Narnia” film, ma attualmente vi sono piani per lui essere nel quarto film di “Narnia” – “Il nipote del mago” – dal Caspio non è in “Il nipote del mago” libro.) In questa intervista esclusiva, Barnes e ho chiacchierato del suo “Killing Bono” esperienza, ma io non volevo fare le stesse domande prevedibile è già stato chiesto in molte altre interviste per Bono Uccidere ” . “Abbiamo anche parlato del suo film” Le Nozze “,” The Words “(entrambi fuori causa nel 2012) e” Seventh Son “(impostato per un rilascio 2013), che ha il potenziale per essere un franchise blockbuster.
Come Neil McCormick in “Killing Bono,” la tua moda e acconciature negli anni 1970 e 1980, passare attraverso un sacco di cambiamenti. Che degli stili che si era nel film era il tuo preferito?
Beh, il mio meno favorito era il look New Romantic, che ha ritenuto del tutto ridicolo.
Vuoi dire che A Flock of Seagulls taglio di capelli?
[Ride.] Sì, i Flock of Seagulls capelli, gli orecchini, i pantaloni terribile. Ma Robbie [Sheehan], che ha giocato mio fratello minore, ci sarebbe solo stimolare a vicenda. Ci piacerebbe guardare assolutamente ridicolo, e Robbie sarebbe andato: “Penso che si dovrebbe avere più eyeliner.” E mi piacerebbe essere come, “Sì, si dovrebbe avere un orecchino”.
Avevamo voglia di fare l’un l’altro sempre più ridicolo. E penso che si aggiunge al sapore. Ma mi piace l’aspetto vicino alla fine [del film]. Mi piacciono i pantaloni di pelle marrone e gli stivali e tutte le cinture borchiati – quello stadio-rock look. Mi piace.
E oltre a cambiare il loro stile di moda del lotto, Neil McCormick e Ivan anche tenuto reinventarsi musicalmente perché fatica a trovare la propria identità musicale. Così, quando si è trattato di registrare il “Killing Bono”, colonna sonora, la tua voce solista suono molto diverso su quasi ogni canzone. Qual è stata la canzone più difficile per voi di registrare per la colonna sonora, visto che si doveva cambiare i propri stili vocali per mostrare come Neil stava avendo una crisi di identità musicale?
Questo è esattamente quello che stavo per. Quando ero in Australia, avevo appena stata offerta la parte. E il direttore [Nick Hamm] era come, “Si può cantare, ma il vero Neil non si può davvero cantare. Quindi, come facciamo a farlo veramente irritante per il pubblico? ”
E io dissi: “Beh, penso che se fai ogni singolo genere, ogni singola canzone, ogni singola epoca, vuole essere questo.” Così inizia come lui vuole essere in Wham! Poi vuole essere un punk rocker. Poi si vuole essere Bono. Poi si vuole essere Freddie Mercury. Poi si vuole essere Mick Jagger. Poi si vuole essere Sting.
C’erano un paio di stadio-rock verso la fine della colonna sonora che aveva alcune note molto alto, perché negli anni ’80, i cantanti iniziato ad avere praticamente concorrenza tra di loro per vedere chi potrebbe cantare il più alto. Viaggio o straniero – che avevano tutti cercano di superarsi a vicenda. Così quelle canzoni sono un po ‘più alto. Faresti arrivare al ponte e che avevano queste note sono per loro un particolare.
E questa è la benedizione di essere in studio: è possibile avere fino a porta come si desidera. E nel film, lui non aderisce a un suono specifico. Quindi sì, alcune di quelle canzoni verso la fine della colonna sonora erano abbastanza impegnativi.
E la canzone più difficile a sparare è stato il primo giorno. Abbiamo girato che il punk-rock cover – e che era faticoso. In quel primo giorno, eravamo pronti ad andare, e poi lo abbiamo fatto circa otto volte. Tutto ciò che saltare mentre provando a cantare è faticoso.
Il “Killing Bono” film è una versione romanzata di memorie di Neil McCormick – in altre parole, ci sono molte cose nel film che non erano nel libro perché non capita di Neil nella vita reale. Allo stesso modo, ci sono molte cose nel libro che non erano nel film. Una di quelle cose che nel libro è come Neil (ateo) e Bono (un devoto cattolico) spesso impegnarsi in dibattiti filosofici sulla religione. Avete delle storie simili nella vita reale di discutere con qualcuno di religione?
Ho avuto un sacco di dibattiti nel corso degli anni. Uno dei miei migliori amici è un ragazzo molto religioso. Spesso ci sono dibattiti nel pub sulla vita e le credenze e tutto. Ma io in realtà non hanno molto di che fino in crescita.
Mia madre è stata sollevata ebreo, mio ​​padre è molto mentalità scientifica, e la mia scuola era vagamente cristiana. Abbiamo cantato inni a scuola. Mi è piaciuto il bit inni, ma a parte questo, posso prendere o lasciare. Così ho avuto un sacco di influenze diverse, quando ero più giovane.
Che tipo di studente eri al liceo?
Sono andato a una scuola molto accademicamente concorrenziale. Così mi è stato sempre molto studiosa e tranquilla, a stare al passo con i geni di altri che erano nella mia scuola. Vorrei solo appendere fuori nel reparto musica e mi piacerebbe giocare in un sacco di band. Nelle estati, mi piacerebbe fare cose più drammatico con una compagnia teatrale.
Ho continuato a me, davvero. Ho sempre guardato molto giovane per la mia età. E una volta mi ha colpito 23, 24 e 25, sono stato poi permesso di giocare il fresco di 18 anni e roba del genere.
Non mi sorprende che Neil McCormick e Bono disaccordi sulla religione non sono in “Killing Bono” film, dal momento che il film è una commedia, e mettendo in un dibattito religioso avrebbe cambiato il tono del film. Quali altri aspetti del film che sono stati modificati dal libro hai fatto anche che sono state scelte sagge?
Sì, quello intero dibattito religiosa [nel libro di memorie di Neil McCormick] non è molto visivo. Non è molto divertente. E in secondo luogo, penso che se avessero giocato troppo rapporto di Neil con Bono, sembrerebbe troppo comodo che poteva solo sempre chiamare Bono al telefono.
Destra. Nella vita reale, Neil tenuti in semi-regolare contatto con Bono, che a volte uscire con Neil dopo che Bono è diventato famoso. Quindi, se questo tipo di rapporto con Bono era stata ritratta in questo modo nel film, sarebbe molto difficile da spiegare perché Neil sarebbe andare ad un concerto degli U2 e puntare una pistola contro Bono, come sta pensando di assassinare Bono. Ovviamente, mai Neil volto una pistola a Bono nella vita reale. Cosa pensi di questo “possibile assassinio” parte del film?
Ero preoccupato che quando abbiamo iniziato le riprese [il film]. Ma poi ho pensato: “Neil è disperato a questo punto. Ha battuto la testa in macchina. E ‘si è trovato in queste circostanze in cui si è circondato dal successo vorticoso degli U2. E ‘un po’ confuso e disperato. Si sente come se fosse deluso tutti. Ed è sentirsi in colpa. ”
Abbiamo avuto un lungo dibattito sul fatto che avrebbe dovuto abbassare la pistola. In realtà, è stata una mia idea di avere qualcuno reggere l’album in modo che Bono non poteva essere sicuro di ciò che ha appena visto, se non altro. Così è stato motivo di discussione. Mi sento come ha funzionato, ma hanno giocato con lasciandolo fuori.
Se potessi scegliere una rock star (vivi o morti), è potuto andare alla scuola superiore con, chi sarebbe e perché?
Oh, io non sono mai stato chiesto prima. Penso che sarebbe stato abbastanza impressionante di andare a scuola con [Paolo] McCartney e [John] Lennon. Sarebbe incredibile di conoscere quelle persone. Ho appena visto [Martin] Scorsese documentario George Harrison ["George Harrison: Vivere nel Mondo Materiale"], quindi è nella mia mente.
Quindi parliamo di alcuni dei vostri film di prossima uscita. E ‘bello che sei ….
Infine lavoro? [Ride.]
[Ride.] In realtà, stavo per dire che è grande che si sta lavorando con alcuni talenti incredibili in questi film di prossima uscita. Cominciamo con “Le nozze”, che ha un cast stellare che comprende premi Oscar Robert De Niro, Diane Keaton e Robin Williams. Cosa ti ha sorpreso di più quando per la prima volta incontrato De Niro, dal momento che non aveva nessuna scena con lui nel primo film “Stardust”?
Lui è incredibile. Lui è veramente tranquilla. Lui è un uomo tranquillo e studioso. E lui legge molto. Lui è molto, molto timido nella vita reale. Ma quando si parla di lui uno su uno, tipo di rubinetti che sulla spalla e dice: “Ci vediamo domani”, o qualcosa del genere. Ti fa sentire così sorprendente.
“Le nozze” è una commedia, ma come descriveresti il ​​tono del film? Pensi che sta per essere valutato PG-13 (12A certificato nel Regno Unito) o Rated R (15 certificato nel Regno Unito)?
E ‘come “Ti presento i miei”, ma con più bestemmiare.
Amanda Seyfried interpreta la vostra fidanzata in “The Wedding”, e lei ha detto qualcosa di molto interessante su di te in una recente intervista. Ha detto che doveva prendere un volo aereo con te, e che era “meglio le cinque ore” della sua vita. [Dice scherzando] Perché tu pensi che lei l’ha detto? Che cosa hai fatto durante il volo in aereo?
Mi ha chiamato e ha detto che il colloquio è venuto fuori, e disse: “Hanno fatto sembrare davvero strano!” Non avevo mai incontrata prima, e hanno capito che volare noi nel corso sullo stesso volo per andare a fare il film sarebbe una buona cosa, dato che stavamo girando il film come ogni altro destinato il giorno successivo.
E ‘molto difficile creare una connessione con qualcuno, ma se si dispone di cinque ore su un aereo, è possibile formare una intimità abbastanza rapidamente. Stavamo solo chiacchierando e cose e di essere stupide e avendo un paio di drink sull’aereo. E ‘così facile andare avanti con.
E, naturalmente, si è anche protagonista con Jeff Bridges nel film fantasy “Seventh Son”, che si sta girando a Vancouver e in Cina nel 2012. [Dice scherzando] Cosa stai facendo e Jeff per preparare il film, oltre a fumare marijuana insieme?
[Ride.] Oh, ti ricordi che scherzo hanno fatto [sul "Settimo Figlio" panel] al Comic-Con di San Diego.
[Ride.] Ma seriamente, come si sta preparando per “Seventh Son”?
Penso che ci sarà un sacco di addestramento di lotta. Non vogliono che sia proprio come qualsiasi altro film. Lo scenario su di esso sta per essere incredibile.
Non è che qualsiasi cosa io abbia mai visto. E ‘un mondo di fantasia enorme di mostri e streghe. E sarà davvero speciale. Sergei Bodrov, che è la regia, fatta “Mongol”, che è un bellissimo filmato di aspetto.
“Seventh Son” è andare a guardare molto oscuro e strano. Il [Tom] personaggio del libro è di 13 o qualcosa del genere. Ce l’abbiamo fatta molto più adulto in un sacco di modi.
Che tipo di addestramento di lotta farai?
Non ho idea ancora. Nel libro, è più sulla lotta intellettuale, come trappole. E ci sono alcuni che nel film: con il paesaggio per le trappole. Ma nel nostro [film] versione, verrà scaricata di più alla fine. Stanno cercando di pensare al momento di modi diversi di farlo. Non so ancora esattamente.
Per il thriller “Le Parole”, cosa si può dire circa le scene flashback che avete nel film?
Ho svolgere un giovane Jeremy Irons nel film. E ‘solo una davvero bella, storia intelligente. Vedete prospettive diverse. E caratteri che si possono sentire a volte il lavoro di altre persone di narrativa.
Gioco un soldato giovane alla fine della seconda guerra mondiale, che ha una storia d’amore molto intensa, ma alla fine triste di una ragazza francese. E ‘una parte molto interessante, perché molto è il silenzio improvvisato, che è una specie di ironico – fare un film intitolato “Le parole” senza realmente parlare molto.
Sei stato lanciato nel film che hanno un sacco di attori iconica e mega-talento e attrici. Qual è l’audizione più snervante siete mai stati nella tua vita?
E ‘sicuramente stato per i film non ho avuto. Penso che se si va in e non hanno fiducia, penso che si imbatte nella stanza. Così i più snervante sono quelli in cui ho finito senza il lavoro.
E si può parlare di cosa stai lavorando ora?
Sto preparando per un film. Stiamo per annunciare al più presto.
[Quel film, annunciato, è "Overdrive", interpretato da Barnes e Karl Urban come fratelli che sono ladri d'auto. "Overdrive" dovrebbe essere rilasciato nel 2012 in data da definire.]
Parlando del casting, “This is Spinal Tap” è uno dei nostri film preferiti di tutti i tempi, quindi devo chiederti: se le stesse stelle di “Spinal Tap”, stavano facendo un “Spinal Tap”, sequel in uscita nelle sale cinematografiche, che tipo di ruolo che si vuole nel sequel?
Vorrei giocare il figlio di Nigel Tufnel. La prossima volta che si parla di Christopher Guest [che interpreta Nigel Tufnel], gli dico che vorrei essere suo figlio in nulla.
E, naturalmente, sapete che Spinal Tap è sempre alla ricerca di un nuovo batterista.
[Ride.] Sì, Spinal Tap potrebbe ri-forma e forse potrebbe essere il nuovo batterista giovani.
Tradotta con Google traduttore.

Ben Barnes’ versatile vocal talents definitely came in handy when he had to film the comedy “Killing Bono.” Not only did the British actor have to master an Irish accent for his role in the movie, but Barnes also had to portray a wannabe rock star who kept changing his singing style. (Barnes did all of his own singing in the movie.) “Killing Bono” is based on music journalist Neil McCormick’s memoir of the same title (the book’s original title was “I Was Bono’s Doppelganger”), which details his struggles to be in a successful band while four of his former school mates from Dublin became the superstar band U2.  The book’s title was inspired by U2 lead singer Bono, who once joked to Neil McCormick: “I am your doppelganger. If you want your life back, you’ll have to kill me.”

In the “Killing Bono” movie (which primarily takes place in Dublin and London from 1976 to 1987), Neil McCormick (played by Barnes) and his younger brother Ivan McCormick (played by Robert Sheehan) go through a series of misadventures on their failed quest to become bigger than U2. Along the way, the McCormick brothers form various bands (with Neil on lead vocals and Ivan on guitar), and they encounter a cynical record-company executive named Hammond (played by Peter Serafinowicz); a menacing Dublin gangster named Danny Machin (played by Stanley Townsend); a flamboyantly gay landlord named Karl (played by Pete Postlethwaite, in his last film role before he died of cancer in January 2011); and a sassy apartment neighbor named Gloria (played by Krysten Ritter), who becomes Neil’s girlfriend and manager of the McCormick brothers’ band Shook Up. Bono is played by Martin McCann, who bears a striking resemblance to the real Bono.
Advertisement

There are several things in the movie that are fictionalized, but essentially the story’s main concept is the same: The McCormick brothers and the members of U2 first met when they were teenagers, and Neil’s ambition to become a rock star was largely fueled by his envy of what Bono had achieved with U2. “Killing Bono” was released in the United Kingdom and Ireland in April 2011. In the United States, the movie became available through video on demand in October 2011, and it began a limited release in U.S. cinemas in November 2011. (Barnes rose to fame as the royal leader Caspian in the second and third “Chronicles of Narnia” movies, but there currently are no plans for him to be in the fourth “Narnia” film — “The Magician’s Nephew” — since Caspian is not in “The Magician’s Nephew” book.) In this exclusive interview, Barnes and I chatted about his “Killing Bono” experience, but I didn’t want to ask the same predictable questions he’s already been asked in many other interviews for “Killing Bono.” We also talked about his movies “The Wedding,” “The Words” (both due out in 2012) and “Seventh Son” (set for a 2013 release), which has the potential to be a blockbuster franchise.

As Neil McCormick in “Killing Bono,” your fashion and hairstyles in the 1970s and 1980s go through a lot of changes. Which of the styles that you had in the movie was your favorite?

Well, my least-favorite was the New Romantic look, which felt completely ridiculous.

Do you mean that A Flock of Seagulls haircut?

[He laughs.] Yeah, the Flock of Seagulls hair, the earrings, the dreadful trousers. But Robbie [Sheehan], who played my younger brother, we would just spur each other on. We’d look totally ridiculous, and Robbie would go, “I think you should have more eyeliner.” And I’d be like, “Yeah, you should have another earring.”

We’d just want to make each other more and more ridiculous. And I think that adds to the flavor. But I like the looks near the end [of the movie]. I like the brown leather trousers and the boots and all the studded belts — that stadium-rock look. I like that.

And in addition to changing their fashion style of lot, Neil and Ivan McCormick also kept reinventing themselves musically because they were struggling to find their musical identity. So when it came to recording the “Killing Bono” soundtrack, your lead vocals sound very different on pretty much every song. What was the most challenging song for you to record for the soundtrack, considering that you had to change your vocal styles to show how Neil was having a musical identity crisis?

That’s exactly what I was going for. When I was in Australia, I had just been offered the part. And the director [Nick Hamm] was like, “You can sing, but the real Neil can’t really sing. So how are we going to make it not really irritating for audiences?”

And I said, “Well, I think if you make every single genre, every single song, every single era, he wants to be that.” So he starts off like he wants to be in Wham! Then he wants to be a punk rocker. Then he wants to be Bono. Then he wants to be Freddie Mercury. Then he wants to be Mick Jagger. Then he wants to be Sting.

There were a couple of stadium-rock songs near the end of the soundtrack that had some really high notes, because in the ‘80s, the singers started to basically have competition with each other to see who could sing the highest. Journey or Foreigner — they’d all try to outdo each other. So those songs are a bit higher. You’d get to the bridge and they’d have these particular notes to them.

And that’s the blessing of being in the studio: You can have as many takes as you want. And in the movie, he doesn’t adhere to one specific sound. So yeah, some of those songs toward the end of the soundtrack were pretty challenging.

And the hardest song to shoot was on the very first day. We shot that punk-rock cover — and that was exhausting. On that first day, we were ready to go, and then we did it about eight times. All that jumping around whilst trying to sing is tiring.

The “Killing Bono” movie is a fictional version of Neil McCormick’s memoir — in other words, there are many things in movie that weren’t in the book because they didn’t happen to Neil in real life. Likewise, there were many things in the book that weren’t in the movie. One of those things in the book is how Neil (an atheist) and Bono (a devout Catholic) would often engage in philosophical debates about religion. Do you have any similar stories in real life about debating with someone about religion?

I’ve had a lot of debates over the years. One of my best friends is a very religious guy. We often have debates in the pub about life and beliefs and everything. But I didn’t really have much of that growing up.

My mum was raised Jewish, my dad is very scientifically minded, and my school was vaguely Christian. We sang hymns in school. I liked the hymns bit, but apart from that, I can take it or leave it. So I had lots of different influences when I was younger.

What kind of student were you in high school?

I went to a very academically competitive high school. So I was always quite studious and quiet, just to keep up with the other geniuses who were in my school. I would just hang out in the music department and I’d play in loads of bands. In the summers, I’d do more dramatic stuff with a theater company.

I just kept to myself, really. I always looked really young for my age. And once I hit 23, 24 and 25, I was then allowed to play the cool 18-year-olds and stuff.

I’m not surprised that Neil McCormick and Bono’s disagreements about religion aren’t in the “Killing Bono” movie, since the movie is a comedy, and putting in a religious debate would change the tone of the film. What other aspects of the movie that were changed from the book did you also think were wise choices?

Yeah, that whole religious debate [in Neil McCormick’s memoir] is not very visual. It’s not very funny. And secondly, I think if they had over-played Neil’s relationship with Bono, it would seem too convenient that he could just always call Bono on the phone.

Right. In real life, Neil kept in semi-regular contact with Bono, who would sometimes hang out with Neil after Bono became famous. So if that kind of relationship with Bono had been portrayed that way in the movie, it would be very tricky to explain why Neil would go to a U2 concert and aim a gun at Bono as he’s thinking about assassinating Bono. Obviously, Neil never aimed a gun at Bono in real life. What did you think about that “possible assassination” part of the movie?

I was concerned about that when we started shooting [the movie]. But then I thought, “Neil is desperate at this point. He’s hit his head in the car. He’s found himself in these circumstances where he’s surrounded by the swirling success of U2. He’s kind of confused and desperate. He feels like he’s let everyone down. And he’s feeling guilty.”

We had a long debate about whether he should lower the gun. Actually, it was my idea to have someone hold up the album so that Bono could not be quite sure at what he’s just seen, if anything. So it was cause for some debate. I feel like it worked, but they toyed with leaving it out.

If you could choose any rock star (living or dead) you could have gone to high school with, who would it be and why?

Oh, I’ve never been asked that before. I think it would’ve been pretty awesome to go to school with [Paul] McCartney and [John] Lennon. It would be incredible to know those people. I just saw [Martin] Scorsese’s George Harrison documentary [“George Harrison: Living in the Material World”], so it’s on my mind.

So let’s talk about some of your upcoming movies. It’s great that you’re ….

Finally working? [He laughs.]

[Laughs.] Actually, I was going to say it’s great that you’re working with some amazing talent in these upcoming films. Let’s start with “The Wedding,” which has an all-star cast that includes Oscar winners Robert De Niro, Diane Keaton and Robin Williams. What surprised you the most when you first met De Niro, since you didn’t have any scenes with him in your first movie “Stardust”?

He’s incredible. He’s really quiet. He’s such a quiet, studious man. And he reads a lot. He’s very, very shy in real life. But when you speak to him one on one, he kind of taps you on the shoulder and says, “See you tomorrow,” or something like that. It makes you feel so amazing.

“The Wedding” is a comedy, but how would you describe the tone of the film? Do you think it’s going to be rated PG-13 (12A certificate in the U.K.) or rated R (15 certificate in the U.K.)?

It’s like “Meet the Parents,” but with more swearing.

Amanda Seyfried plays your fiancée in “The Wedding,” and she said something very interesting about you in a recent interview. She said that she had to take a plane flight with you, and that it was “the best five hours” of her life.  [Says jokingly] Why do you think she said that? What did you do on that plane flight?

She called me and said the interview came out, and she said, “They made it sound really weird!” I’d never met her before, and they figured that flying us over on the same flight to go and do the film would be a good thing, since we were shooting the film as each other’s intended the next day.

It’s very hard to form a connection with someone, but if you have five hours on a plane, you can form an intimacy quite quickly. We were just chatting and things and being silly and having a few drinks on the plane. She’s so easy to get on with.

And, of course, you’re also starring with Jeff Bridges in the fantasy film “Seventh Son,” which you’re filming in Vancouver and China in 2012. [Says jokingly] What are you and Jeff doing to prepare for the movie, besides smoking pot together?

[He laughs.] Oh, you remember that joke they made [on the “Seventh Son” panel] at Comic-Con in San Diego.

[Laughs.] But seriously, how are you preparing for “Seventh Son”?

I think there’s going to be a lot of fight training. They don’t want it to be just like any other film. The scenery on it is going to be incredible.

It’s not like anything I’ve ever seen. It’s a huge fantasy world of monsters and witches. It’s going to be pretty special. Sergei Bodrov, who’s directing it, made “Mongol,” which is a beautiful-looking movie.

“Seventh Son” is going to look very dark and strange. The [Tom] character in the book is 13 or something. We made it a lot more adult in a lot of ways.

What kind of fight training will you be doing?

I have no idea yet. In the book, it’s more about intellectual fighting, like setting traps. And there’s some of that in the movie: using the landscape for traps. But in our [movie] version, you get it more at the end. They’re trying to think at the moment of different ways of doing that. I don’t know exactly yet.

For the suspense thriller “The Words,” what can you say about the flashback scenes that you have in the movie?

I play a young Jeremy Irons in the movie. It’s just a really beautiful, clever story. You see different perspectives. And characters you can feel are sometimes other people’s work of fiction.

I play a young GI at the end of the second World War who has a very intense but ultimately sad romance with a French girl. It’s a very interesting part, because a lot of it is improvised silence, which is kind of ironic — doing a movie called “The Words” without really speaking much.

You’ve been cast in movies that have a lot of iconic and mega-talented actors and actresses. What’s the most nerve-racking audition you’ve ever been on in your life?

It’s definitely been for movies I didn’t get. I think if you go in and lack confidence, I think that comes across in the room. So the most nerve-racking ones are the ones when I ended up without the job.

And can you talk about what else you’re working on now?

I’m prepping for a film. We’re going to announce it soon.

[That movie, now announced, is “Overdrive,” starring Barnes and Karl Urban as brothers who are car thieves. “Overdrive” is expected to be released in 2012 on a date to be announced.]

Speaking of casting, “This is Spinal Tap” is one of our all-time favorite movies, so I have to ask you: If the same stars of “Spinal Tap” were making a “Spinal Tap” sequel to be released in cinemas, what kind of role would you want in the sequel?

I would want to play Nigel Tufnel’s son. The next time you talk to Christopher Guest [who plays Nigel Tufnel], tell him I would want to be his son in anything.

And, of course, you know that Spinal Tap is always looking for a new drummer.

[He laughs.] Yeah, Spinal Tap could re-form and maybe I could be the new young drummer.

Tags:

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> 

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.

Current ye@r *

UA-23020968-1