U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Tutte le news sugli U2

i R.E.M. si sciolgono

Inserito da on settembre 21 – 21:38 | 340 visite

20110921-093734.jpg

Uno dei gruppi storici, uno di quei gruppi che hanno scritto gli anni ottanta, novanta fino hai giorni d’oggi, uno dei gruppi vicino agli amici U2, tanto da essere al compleanno di The Edge quest’estate qui in Italia, lasciano definitivamente la scena. Tutto è stato ufficializzato tramite il loro sito internet. Riportiamo questo articolo tratto da Rockol in quanto ci sembra doveroso salutare questa band che insieme agli U2 (e per nostra fortuna gli U2 ancora continuano a caalare l’onda) hanno segnato, scritto e suonato per tantissime generazioni.

A fine articolo un video tratto da YouTube dove vediamo Micheal Stipe eseguire ‘One’ insieme a The Edge, Larry ed Adam.

Tratto da Rockol Music:

R.E.M., fine della corsa

21 set 2011 – Dopo 31 anni di carriera, i R.E.M. di Michael Stipe hanno deciso di mettere fine alla propria avventura: a darne notizia è stata la stessa band per mezzo di un comunicato apparso sulla propria pagina Web. “Siamo e rimarremo amici per la vita, ma abbiamo deciso di cessare di esistere come gruppo”, si legge nel dispaccio: “Ce ne andiamo con un grande senso di gratitudine e di incredulità per tutto quello che ci è successo. A tutti quanti siano stati toccati dalla nostra musica: grazie per averci ascoltato“. “Durante il nostro ultimo tour, e durante la lavorazione del nostro ultimo album, ‘Collapse into now’, eravamo soliti chiederci: ‘E poi cosa faremo’?”, ha dichiarato il bassista Mike Mills, che – insieme a Stipe e al chitarrista Peter Buck – rappresentava, dopo le dimissioni di Bill Berry, nel 1997, il nucleo originale del gruppo di Athens, Georgia, “Lavorare sulla nostra musica e sui nostri ricordi di trent’anni è stato un lavoro d’inferno. Le ultime canzoni che abbiamo scritto, quindi, ci sono sembrate l’epilogo naturale della nostra carriera”. “Un uomo saggio una volta disse: ‘La cosa più importante da capire, ad una festa, è quando arriva il momento di andare via’”, gli ha fatto eco Michael Stipe: “Insieme siamo stati capaci di costruire qualcosa di straordinario. Noi abbiamo fatto tutto questo, e adesso ce ne stiamo allontanando. Spero che i nostri fan si rendano conto che questa sia stata una decisione tutt’altro che facile. Tutte le cose devono finire, ma l’importante è che finiscano nel modo giusto. E noi vogliamo finire nel modo giusto, il nostro modo”. “Il gruppo può essersi sciolto, ma noi rimarremo grandi amici”, ha specificato il chitarrista Peter Buck: “Di certo rimarrò in giro. Magari in un negozio di vecchi dischi in vinile. O nella penombra, nel retro di un live club, a guardare un gruppo di diciannovenni che cercano di cambiare il mondo”.

R.E.M. – Losing My Religion on MUZU.TV

Dalla propria formazione, avvenuta nel 1980 a Athens, Georgia, cittadina universitaria che negli anni seppe far emergere e regalare al mondo del rock talenti come B-52’s, Pylon e Vic Chesnutt, i R.E.M. hanno pubblicato quindici album di studio: il primo, “Murmur”, dato alle stampe nel 1983, ha subito segnalato il quartetto come capostipite dell’alt-rock a stelle e strisce, a cavallo tra atmosfere college e new wave, senza dimenticare il retaggio garage portato di dote da Buck. Grazie a singoli eccezionali come “It’s the end of the world as we know it (And I feel fine)” (da “Document” del 1987), “Shiny happy people” e “Losing my religion” (entrambi da “Out of time” del 1991), la band si afferma come una delle realtà più consolidate nel panorama rock a stelle e strisce, passando da gruppo di culto a grande nome mainstream. Stipe e compagni, ai quali la targa di “artisti da MTV” va stretta, si reinventano e stupiscono tutti, nel 1992, con il capolavoro “Automatic for the people”: acustico e orchestrale (e realizzato con la collaborazione di John Paul Jones dei Led Zeppelin), il disco ridefinisce i canoni del rock planetario grazie a ballate come “Man on the moon” e “Everybody hurts”. Seguono l’elettrico “Monster” e lo sperimentale “New adventures in Hi-Fi”, prima che – nel 1997 – il batterista Bill Berry alzi bandiera bianca ed abbandoni la band. Verranno poi album interlocutori come “Reveal” del 2001 e “Around the sun” del 2004, dove per la prima volta fa la sua comparsa una forte componente elettronica, prima che il gruppo ritorni alle origini con “Accelerate”, nel 2008, prodotto da Jacknife Lee.

Tags: , , ,

UA-23020968-1