U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Tutte le news sugli U2

The Edge: ‘Il Genio del suono’ degli U2

Inserito da on settembre 20 – 09:00 | 2.571 visite
In un articolo uscito di Gibson.com, ci viene raccontato l’essere di The Edge, il suo suono, la sua musica, la sua passione per il delay (eco) usato in tantissime canzoni U2 come marchio indelebile della band sulla cresta dell’onda da ben 35 anni.
 

Michael Leonard 8.8.2011:
“David Howell Evans ha compiuto 50 anni l’8 Agosto. Conosciuto da tutti, tranne che da i suoi genitori, come (The) Edge, è la prima chitarra degli U2 e compositore da 35 anni. Coerentemente con il suo soprannome, Edge divide le opinioni nella community dei chitarristi. Alcuni pensano che si affidi troppo a FX e tecnologia, molti altri lo acclamano come uno dei migliori chitarristi rock, un vero innovatore nella “palude” di chi cerca di imitare i suoni.

Da qualsiasi punto di vista si guardi la cosa, è innegabile che suoni come nessun altro chitarrista. Lui è il sound della band e senza di lui, gli U2 non suonerebbero per niente come gli U2!

Edge è un fan delle chitarre “vintage”, ma è anche allo stesso tempo un’innovatore. E’ uno “scenziato” (altro soprannome datogli da Bono) e un “genio del suono” (sempre Bono a chiamarlo così), un cristiano, ma anche un “iconoclasta” che non “crede nelle regole”.

Abbiamo sia un po’ di arguzia, sia un po’ di saggezza da un enigma della chitarra e i suoi amici.

Buon compleanno Dave!”

In questo articolo ci viene svelato il “dietro le quinte” della chitarra di Edge. Il racconto parte proprio da “Out of control” il primo singolo degli U2 che qui viene descritto “melodico, propulsivo e armonicamente ambiguo” che è proprio la chiave del sound di Edge.

Il chitarrista racconta che il suo stile e il suo sound derivano da una sua sfida personale e dalla sua concezione di musica. Egli dice infatti che non gli sono mai piaciuti lunghi assoli e virtuosismi, ai quali preferisce una canzone corposa e suonata bene con un suono “squillante” derivato dalla sua prima chitarra, una Gibson Explorer del ’76, ma egli stesso rivela, che si vede come musicista solo nell’ambiente U2.

Suonare negli U2 gli ha permesso di fare grandi sperimentazioni con gli effetti che gli hanno permesso di creare riff come quelli di “Mysterious Ways”, “Where the Streets Have no Name”, “Beautiful Day”, “Bad” ed “Elevation”, aiutato dal fidato tecnico e amico Dallas Schoo che è sempre pronto a “guardargli le spalle” anche durante i concerti.

Edge parla delle sue diverse chitarre (a volte in un concerto ce ne vogliono 18 per lo stesso numero di canzoni) anche se la sua preferita rimane la Gibson Explorer del ’76 acquistata a New York durante un viaggio di famiglia ed è la chitarra più distintiva tra quelle da lui possedute.

Esso si autodefinisce come un minimalista, non forza le canzoni per farci entrare dentro qualche elemento e si lascia guidare dalla musica, poi afferma di trarre ispirazione principalmente dalla musica europea.

Stimato dagli altri 3 membri della band, viene definito da Bono come “Maestro Zen degli arpeggi” il quale però sa anche mostrare il suo lato più passionale, la sua parte più vera che si esprime quando suona con l’effetto eco (delay) di “Pride – In The Name Of Love”.

Il delay gli permette di fare infinite sperimentazioni e come dice lui “è senza limiti”.

 


| Via

Tags: ,

UA-23020968-1