U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Extra, Tutte le news sugli U2

Gli U2 aprono il Toronto Film Festival

Inserito da on settembre 9 – 15:01 | 430 visite

E’ una notte bellissima”, ha detto il co-regista del Toronto film festival, Cameron Bailey, con un sorriso prima dell’inizio della proiezione in serata del film documentario degli U2 “From the Sky Down”. La sua osservazione, ovviamente fa riferimento al successo della band “It’s a beautiful Day”; ma nessuno ha dovuto spiegare il senso alla folla in adorazione presente all’ Elgin Theater giovedì notte.

Il regista Davis Guggenheim ha lasciato il palco facendo notare che:” il film è stato creato in meno di sei mesi, e spero che non si noti”. Ha, poi, prontamente presentato le sue star Bono e the Edge, entrambi affascinati e divertiti.
Nel film documentario, i componenti della band guardano indietro e rivalutano la realizzazione del loro album “Achtung Baby”, rinnovando la passione per la loro arte dopo le pressioni derivate dal mondo delle celebrità, e che li ha riportati nello stesso studio di Berlino vent’anni dopo.

The Edge è stato molto conciso, sebbene abbia detto di avere un debole per Toronto anche per la presenza in città di una stazione radio con il suo stesso nome.
Bono ha spiegato che è stato difficile permettere ad un osservatore esterno seguire il loro processo creativo perchè, spiega, “abbiamo paura del vecchio detto : se avessi visto cosa è stato messo dentro una salsiccia, non l’avrei mai mangiata”.
Ha poi scherzato di aver provato a cercare un regista che rispettassero, ma di non aver potuto avere Wim Wenders. Ha contiunato ad elogiare Guggeneheim, regista del premio Oscar “Una seconda verità” e ripetendo al pubblico, fino a poco prima dell’inizio della proiezione “Buon salsiccia e purè”.

Vecchie foto e clip, nuovi filmati e narrazione introspettiva combinati con intelligente animazione, hanno dato vita ad un mix di intrattenimento e rivelazioni, al punto da far cadere la folla in un silenzio reverenziale durante la proiezione ed ha raggiunto il culmine sulla realizzazione di One, l’Inno simbolo che li ha riportati nuovamente in pista.

Ecco qualche scatto:

 

 

20110909-031134.jpg

 

20110909-031143.jpg

20110909-031149.jpg

Fonte

Tags: ,

UA-23020968-1