Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

U2 The Joshua Tree Tour 2017

Setlist, articoli, video e foto del tour celebrativo dei 30 anni di The Joshua Tree

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Tutte le news sugli U2

CONCERT REVIEW: U2 a Toronto

Inserito da on luglio 13 – 12:57 | 626 visite

Due giorno dopo il grande concerto di Toronto arriva una bella recensione su di esso.

L’accento viene posto sulla scaletta e su come questo show del 2011 e in parte già dal 2010 (sostanzialmente la promozione di No Line on the Horizon è finita con la leg del 2009) si sia evoluto durante questo lasso di tempo ma ancor di più su come siano cambiati gli show degli U2 nel corso dei vari tour e su come in questo siano tornati “prepotentemente” Achtung Baby e Zooropa oltre i grandi classici degli anni ’80.

Infine uno spazio è dedicato ad una riflessione sul futuristico palco che come si può vedere continua a suscitare tante emozioni diverse.

 

 

CONCERT REVIEW: U2 IN TORONTO

Articolo di Tyler Anderson/National Post

Immaginiamo di essere nello studio di registrazione degli U2 post produzione del 1997. C’è una linea di demarcazione tra Pop e Zooropa,  l’album rilasciato l’anno passato, che crea una divisione con il progetto precedente ma nonuno stacco definitivo tra i due, diciamo come una evoluzione. Da li in poi il lavoro della band più famosa al mondo ha subito un radicale cambiamento.

Senza dubbio, trovo che i lavori degli degli U2 a partire da “All that you can’t leave behind”  fanno un passo avanti. E questo lo voglio subito chiarire. Sicuramente “Beautiful day”  e un pezzo accattivante, ma non ci vuole poco — una melodia affascinante, un ritornello potente e un bridge — per crearla. I 3 album degli U2 degli anni ’90 erano audaci (i loro album degli anni ’80 sono, eccetto “Ratte and Hum”, sono inattaccabili!) Le canzoni andavano da qualche parte in un’altra direzione in un’altro mondo. Forse troppo lontano con “Pop”, ma “Achtung Baby” e “Zooropa” ma erano due degli album rock più all’avanguardia del tempo. Il primo singolo di Zooropa era “Numb” e se questo brano non vi colpisce come scelta audace, allora probabilmente non ascoltavate stazioni radio rock nel 1993.

Ho visto gli U2 per la prima volta nel 1997, il che significa la loro setlist era ben pizzata con hit create negli anni precedenti (eccola http://www.setlist.fm/setlist/u2/1997/skydome-toronto-on-canada-bd6f5ae.html, tramite i miracoli della tecnologia moderna). Lunedì notte al Rogers Centre, 14 anni dopo, fu come una cosa diversa, per le ragioni spiegate pocanzi. Ma come è tipico per gli U2, ciò che si presenta non è necessariamente come sembra.

La fase del TOUR 360° è stata come una chiamata alla ribalta solo ed esclusivamente per l’unico e stupefacente palco — il più largo mai costruito con una prodigiosa tecnologia per concerti live. “The Claw”, il nome ufficiale, farà la sua ultima apparizione al Magnetic Hill a  Moncton, dopo di che sarà venduto con molta probabilità. (Ci sono attualmente tre “Claws” in vendita e chi lo comprerà probabilmente starà già pensando ad un super spettacolo per sfruttarlo).

Mentre gli U2 sono nascosti da questo capolavoro, onestamente può non importare cosa loro stiano  suonando. Sicuramente aiuta il fatto che la prima metà dello show sia incentrato su “Achtung Baby” e “Zooropa”. Ma a causa del tempo vengono a mancare brani come “Get on your boots” e “I’ll go crazy if I don’t go crazy tonight” cosa che nelle ultime setlist sta accade comunenmente, mentre io ero incantato a guardare il Claw contro lo sfondo del cielo, sopra lo stadio aperto Rogers Centre (sold out per l’occasione).

Inoltre c’è da dire che gli U2 lo stanno facendo da così tanto tempo che  le pecche del sound degli stati non li ostacola. Un ‘encore’ pieno di hit che include “One” e “Hold me, Thrill me, Kiss me, Kill me” era prevedibile.

L’unico inconveniente della serata, lo racconto in una breve storia: circa sei anni fa, ho visto i Rolling Stones portare un massiccio palco al Rogers Centre ed  ho descritto il concerto nella mia recensione, che era come guardare “The Rolling Stones, la Rivista di Broadway.” Il 360° Tour, ci tengo a precisae, non è niente di simile. Ma lo schermo HD che si vede tutto intorno al palco ed il fatto che la band sia là sotto, sembra che voglia dare la la sensazione che il tour sembri il più grande concerto in DVD del mondo che si possa mai vedere.

Vero è il fatto è i loro tour anche dopo 30 anni,  sia uno dei più grandi spettacoli live da vedere.

 

Questa la setlist suonata a Toronto:

Even Better Than The Real Thing
The Fly
Mysterious Ways
Until The End Of The World
I Will Follow
Get On Your Boots
I Still Haven’t Found What I’m Looking For
Stay (Faraway, So Close!)
Beautiful Day
Elevation
Pride (In The Name Of Love)
Miss Sarajevo
Zooropa
City Of Blinding Lights
Vertigo
I’ll Go Crazy If I Don’t Go Crazy Tonight – (With Discotheque snippet)
Sunday Bloody Sunday
Scarlet
Walk On

Encore(s):

One
Where The Streets Have No Name
Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me
With or Without You
Moment of Surrender

 

|Via

Tags: , , ,

UA-23020968-1