U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Extra, Tutte le news sugli U2

L’intervista a Larry Mullen Jr.

Inserito da on gennaio 13 – 14:34 | 6.184 visite

Dopo 36 anni come “idraulico” degli U2, Larry Mullen Jr. vuole provare fortuna nell’essere protagonista dell’avversario interpretato da Donald Sutherland in “Man On The Train”.

È un freddo giorno di gennaio e Larry Mullen Jr. ed io lasciamo le nostre rispettive dimore, la sua è molto più grande, e ci dirigiamo a Clontarf Castle. Tenendo conto dei suoi bei zigomi a 51 anni, entra per la porta ed istantaneamente è riconosciuto come “il ragazzo” degli U2.

Egli è facile da trovare nonostante scivoli dentro e fuori del recinto, inavvertito e senza essere disturbato. Curioso. Anche se Artane è il luogo dove è cresciuto e Howth, era il luogo “per esploratori, i pescatori e per quelli in cerca di fidanzate.”

“Non avrei mai immaginato di vivere altrove”, dice. Volete sapere qualche bella battuta sui batteristi?. Nei 36 anni da quando ha fondato gli U2, ho avuto l’opportunità di costruire un repertorio di barzellette.

“Il problema di essere in background,” dice, “è che la gente pensa che sono unidimensionale. Tutti conoscono il chitarrista e il cantante. Il bassista, poi, è il migliore di sempre. Hanno nobiltà.” Sorride. “Nella prossima vita voglio tornare come bassista.”

Poi di nuovo: Come fai a sapere quando il palco è in piano? “Per il batterista è sbavando da entrambi i lati della bocca,” sorride. “Sì, le ho sentite tutte. Ma non mi fanno ridere.”

Si dice spesso, non solo nelle ricorrenze antiche di Neil Peart, che i batteristi sono una razza diversa. Un esempio: durante le riprese di “All that you can’t leave behind”, Mullen e il produttore Brian Eno avevano ciò che è stato precedentemente chiamato il generatore di “andata e ritorno”, per misurare il ritmo del batterista. Alcuni giorni dopo ha scoperto che  Eno aveva  trovato una differenza di circa due millisecondi con il computer. L’incidente avrebbe ispirato Eno a collaborare con il neuroscienziato David Eagleman per indagare sui batteristi e i suoi “tempi del cervello”.

“Questa è una storia vera,” Mullen annuisce. “Penso di aver trovato qualcosa come un 60-40 a favore dei batteristi e la loro capacità di catturare il tempo. ‘So che solo i batteristi sono in grado di sviluppare. Se qualcosa non è in sintonia si sente la musica che va fuori tempo.

Infatti: Larry Mullen Jr. dice che si può credere che i batteristi sono davvero diversi dagli altri. Da un lato, è difficile immaginare un leader della band che sta dietro tutta la band stessa. E poi “nessuno vuole sapere cosa ne pensa un batterista.”

“Forse non mi fido molto delle mie capacità di articolare ciò che sta accadendo. E sono molto consapevole del fatto che a volte quando sto guardando un colloquio della band,  neanche io avrei voglia di ascoltare ciò che il batterista pensa. Vogliono sentire il testo della canzone e la melodia. Questa è la crema. Io e Adam e possiamo fare il ripieno. potrebbe essere interessante per noi, ma non è buono  come la crema. ” Sorride. “Mi dispiace, questa è probabilmente un’analogia di merda.”

Finora, Larry Mullen Jr. è stato perfettamente nella sua piattaforma, lontano nel palco 360 ° progettato da Willie Williams. A sua volta, raramente si è avventurato in avanti se non al buio con djembe e bonghi. Vive come solo un batterista può fare, tranquillamente e quasi invisibilmente con Ann, la moglie di 30 anni, e i loro tre figli, Aaron, Ava e Ezra.

“Sono assolutamente spazzatura per essere una rock star”, ammette. “Sono una delle peggiori rockstar che conoscono. Adoro stare a casa con i miei bambini. Nessuna droga. Mi piace essere sulla strada per un breve periodo di tempo. Io non sono un Animal rock and roll “. Sono felice nella parte posteriore. Non bramo attenzioni. “Sai il termine “spruzzami sono qui’? Non ho bisogno di questo”, insiste.

E quindi, probabilmente sei l’ultimo membro degli U2 che ci si aspetterebbe di trovare in un film. Come hai fatto a finire a fare il protagonista nel film “Man On The Train” del regista Mary McGuckian?

“E ‘stato un po’ scioccante”, dice Mullen, che aveva inizialmente firmato per un piccolo ruolo. “Ho parlato con Maria, dopo aver lavorato per il video di ‘Electrical Storm’ con Samantha Morton. Ho pensato che avrei potuto provare un cameo o un film. Che era in realtà qualcosa che ho detto a Bono. E lui ha detto: ‘Se lo fai un film, non importa quanto grande o piccola sia.

Accadde, che McGuckian, che ha già diretto Robert De Niro, Harvey Keitel, Kathy Bates, Jennifer Jason Leigh e una costellazione di attori dei pesi massimi, aveva grandi progetti per l’attore in erba che ero.

“Dopo aver trascorso un paio di settimane insieme ha detto che ero l’uomo del treno”, ricorda Mullen. “Così ho girato il mio primo giorno esibendomi con Donald Sutherland. Presumibilmente sto mostrando come iniqua la scena. Ed ho le mie braccia incrociate cercando di non pensare, ‘Questo è il ragazzo che ha fatto Klute e Non Look Now. ‘ E’stato un salto nel vuoto. ”

McGuckian ha fatto il re-make del dramma “L’Homme du Train” di Patrice Leconte, 2002.

Non può essere stato facile per te cercare di mantenere una facciata fredda, zen, attraverso uno dei volti più espressivi del mondo del cinema, giusto?

“Non lo è stato”, dice Mullen. “Donald parla in realtà sulla sua faccia e che cosa possono fare con essa. Penso che la dice lunga su di lui che era pronto a fare un film con me. Lui mi prese da parte e mi ha detto che aveva fretta. Non deve essere stato facile per lui. Era come lavorare con un bassista che conosce solo due note. ”

“Questa è una delle cose più spaventose che ho fatto artisticamente”, dice. “Quando ho visto il filmato ho pensato ‘beh, è un po’ imbarazzante in alcune parti, ma l’ho visto tutto e non ho fatto così male. ‘Non è imbarazzante in ogni momento!.'”

Mi chiedo se sia più facile giudicare a posteriori. Eri consapevole in passato dei momenti in cui la band ha avuto il periodo migliore?

“Non si può mai dire”, dice Mullen. “E’ successo un paio di volte nella nostra carriera e non lo avevamo nemmeno notato.’ The Joshua Tree ‘è un grande esempio. Tutte le stelle erano allineate e non lo sapevamo. C’è una storia su Brian Eno che cercava di distruggere il multi traccia di ‘Where The Streets Have No Name’ perché ci voleva un sacco di tempo a prepararlo, voleva tagliarlo, era davvero difficile. Poi è venuto fuori e ci siamo dettii, ‘Oh. Funziona!’. ”

Tuttavia, se c’è una cosa che so è che batteristi amano la tranquillità. Vi chiederete perché un quarto della band di maggior successo del pianeta voglia un radicale cambiamento di carriera. E ‘pazzia? O semplicemente masochismo?

“C’è anche un po ‘ di questo,” dice. “Penso che mi ha colpito. Cerco di avere un diverso tipo di conversazione. Volevo pensare, uscire e lavorare con persone che non hanno necessariamente gli stessi obiettivi o le opinioni delle mie. Sembra una cosa egoista. Ma ha più a che fare con l’essere in uno stato di successo per molto tempo e non volerlo dare per scontato. L’idea di fare qualcosa in cui si può fallire non è qualcosa che la gente di solito vuole fare., ma sento che devo. ”

Non stai considerando un ritiro anticipato dalla  tua attività di idraulico, giusto?

“Oh, ho ancora voglia di continuare, ma non starò fermo per sei mesi, quando non siamo in tour o in registrazione, quando si potrebbe andare a produrre un film al momento. Necessito di essere disponibile a fare qualcosa di creativo. Fisicamente, il mio corpo è provato. Perché siamo stati in tour in tutti questi anni e ho avuto problemi dalla testa ai piedi. Se un atleta sta usando lo stesso gruppo di muscoli, è fortunato se riesce a uscire senza danni dopo 10 anni. Io sto facendo questo lavoro da 35 anni. ”

Sei meno entusiasta all’idea di far parte di una delle band più prestigiose, ma invecchiata?

“Si può fare questo lavoro solo finché la tua musica è rilevante e la gente la vuole ancora sentire. Quello che fanno i Rolling Stones è eccezionale perché hanno un patrimonio incredibile. Ma  se a 60 anni saremo ancora in tour, penso che sia perché abbiamo pubblicato un album buono. Non voglio essere uno di quei musicisti che, quando qualcuno nella banda muore, chiede, ‘Bene, che cosa facciamo adesso?’

“Man On The Train” si apre questa settimana a Dublino.

Fonte: U2News
Traduzione di Nicolò – U2360GRADI.IT
VIETATA LA RIPRODUZIONE SIA PARZIALE CHE TOTALE.

Tags: ,

UA-23020968-1