U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » U2360GRADI [PINK]

Gli U2 e il principio di fratellanza

Inserito da on luglio 13 – 09:00 | 1.720 visite

Un concetto che ritorna spesso nelle canzoni degli U2 è quello di “brotherhood”, ovvero di fratellanza; di fratellanza tra i popoli, intesa anche più semplicemente come “unione” tra le persone della stessa famiglia, tra amici od amanti. Ci sono concetti racchiusi nelle canzoni di Bono che mi toccano profondamente e che sento miei, ma che purtroppo nella vita reale spesso non riesco a mettere in pratica. Certi giorni mi dimeno, sento la mia anima ed il mio cuore cercare qualcosa a cui aggrapparsi ma che nella quotidianità del lavoro, della casa, delle amicizie non riescono a trovare. Ed allora accendo la radio, o ancora meglio, cerco una canzone degli U2 che mi dia pace, conforto o che mi sproni ad uscire da una situazione che sembra statica, immutabile. e’ come se volessi aspirare a qualcosa di talmente elevato da sembrare impossibile da raggiunger, ma dico a me stessa che non sono ancora pronta ad arrendermi e continuo nel tentativo di arrivare a quella legge superiore che è insita nell’amore e nei valori in cui ho sempre creduto. Ci sono canzoni capaci di smuovere quella parte emozionale di me al punto da farmi desiderare di essere migliore come persona, per me stessa e per chi mi sta accanto, perché credo che ci sia un senso profondo nella vita da non poter svanire al semplice batter di ciglia. Cerco la mia “One” dal 1993, da quando per la prima volta ho ascoltato quelle note, quegli accordi e quelle parole che ancora oggi porto con me, per non dimenticare che ogni giorno si creano muri più o meno immaginari tra le persone, ma che se si prova a restare uniti quegli stessi muri si possono abbattere. Ci sono muri che cadono giù con un abbraccio, altri che si ergono per incomprensioni che solo l’uomo può sciogliere. a volte, come nel caso degli U2, basta trovare il giusto accordo di note per raggiungere una nuova unione, ecco perché “One” è un capolavoro. Mentre la caduta del muro di Berlino univa un popolo, la nascita di One ricompattava  una band che non riusciva più a comprendersi.

Cercherò la mia “One” anche nelle prossime settimane e nel prossimo mese, periodo in cui questa rubrica prenderà una pausa, un breve congedo per raccogliere altre idee e per tornare con uno spirito rinnovato e tanta voglia di comunicare nuove emozioni, stati d’animo, aneddoti da condividere con voi che provate la mia stessa passione per la musica e per una band unica in ogni suo aspetto.

Vi ringrazio per aver contribuito in questi mesi a realizzare un sogno personale e per l’affetto che avete dimostrato nei miei confronti.

Buona estate nel segno degli U2 da parte di tutto lo staff del U2360GRADI.IT

Tags:

UA-23020968-1