U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Tutte le news sugli U2

Repubblica.it: Lo Zoo di Berlino

Inserito da on marzo 5 – 19:15 | 947 visite

Nel 1990 gli U2 arrivano a Berlino, scrivono metà dell’album Achtung Baby, rischiano di separarsi, inventano One, tornano a Dublino, finiscono l’album e fanno la pace. Andando a ritroso e in ordine sparso. Lou Reed arriva a Berlino travolto da un fiume di eroina, riesce a stare a galla e scriveCaroline Says, anticipando Christiane F. Iggy Pop segue il consiglio del suo produttore David Bowie, dà una chance a Berlino e compone il suo debutto, The Idiot, tributo al mondo di utopia che crolla e che sarà l’ultima cosa che ascolterà Ian Curtis. David Bowie stesso sbarca a Berlino come l’alieno che è perché qualcosa lo guida laggiù. Tra il ’77 e il ’79 concepisce la Trilogia berlinese e la incide negli Hansa Studios, dove sono già passati o passeranno anche tutti gli altri.

Tutti a inseguire gli stessi fantasmi o a cacciare gli stessi demoni o, per dirla con Wim Wenders, a sperare di incontrare gli stessi angeli a seconda se si sia portati a guardare il cielo sopra Alexanderplatz o a viaggiare sotto terra sulla U-Bahn. L’elenco iniziale è il filo rosso che tiene insiemeBerlino Zoo Station di Massimo Palma. E’ la guida più difficile mai concepita sulla città più difficile della storia. Fatta più per impressioni che per indicazioni e più per scorribande che seguendo un tracciato. Hegel che stringe in pugno ubriaco la lettera della sorella Christiane (un’altra) che gli annuncia la morte del padre, Isherwood che non riesce ad andarsene, Grosz e la clique di intellettuali di un cabaret che sarà ben presto travolto insieme a Weimar e porterà orrore, Ss, bombe e poi un muro che isolerà più i cittadini dell’Ovest che quelli a est. La chimica che sostituisce l’oppio e la house che spazza via il rock o quello che è rimasto. I binari e le biciclette lungo la Sprea, la Raf e Libeskind, “tutto ciò che è reale è razionale”, “Ich bin ein Berliner”. Benvenuti allo Zoo di Berlino.

Twitter: daolivero

Via | Repubblica.it

Tags: , ,

UA-23020968-1