Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

U2 The Joshua Tree Tour 2017

Setlist, articoli, video e foto del tour celebrativo dei 30 anni di The Joshua Tree

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Tutte le news sugli U2, U2 Experience + Innocence Tour

Bono e Adam per BBC News: l’U2eiTour, la tecnologia, Berlino e la pausa dopo il tour

Inserito da on ottobre 23 – 10:13 | 620 visite

“Le due cose che non puoi avere qui sono vertigini e necessità di stabilità”.

Il bassista degli U2 Adam Clayton mi sta offrendo un tour del “the barricage”, uno schermo LCD a doppia faccia lungo 29 metri in cui la band si arrampica all’interno ogni serata del loro Experience And Innocence Tour.
La passerella copre l’intera lunghezza della Ziggo Dome di Amsterdam, collegando il palco principale e una piattaforma circolare più piccola all’estremità dell’arena.

“È un modo molto costoso di passare dal grande palcoscenico a questo piccolo quaggiù”, ride Clayton.

Ma è molto più di questo. Gli schermi si alzano e si abbassano durante lo spettacolo, trasmettendo riprese dal vivo, slogan politici e animazioni colorate.
Possono anche essere trasparenti con il semplice tocco di un interruttore, permettendo agli U2 di apparire e scomparire dietro il muro e persino di accoppiarsi con le immagini che li circondano.

“L’atto magico, se ce n’è uno, è di restringere il luogo e farlo scomparire”,

dice Bono, che sfreccia intorno alla struttura di 89 tonnellate ogni notte con un pericoloso disprezzo per la propria sicurezza.

“Quando ottieni intimità con una folla di 20.000 persone, è una cosa molto commovente”

Photo © Getty Images

Gli U2 hanno spinto i confini della tecnologia dei concerti dello Zoo TV Tour del 1992, un vero e proprio blitz nei sensi che ha unito 32 schermi video, trasmissioni satellitari in diretta e satelliti galleggianti in un carnevale di glamour, sconcezza e ironia.

Il tour successivo, il Pop Mart Tour, mostrava un gigante limone girevole, mentre il 360° Tour del 2009 prevedeva un “artiglio” in acciaio di 30 mila dollari. Ma l’obiettivo è stato sempre lo stesso.

Bono spiega:

“Quando suonavamo nei club su e giù per la M1, la domanda era sempre  – “Qual è la via più veloce per essere più vicini al nostro pubblico? –
Ora usiamo un sacco di tecnologia che può essere utile a tal fine, ma il pensiero è sempre lo stesso : ‘C’è un posto in questo spettacolo in cui le persone hanno un biglietto che non gli consente una bella visuale? Bene, andremo a posizionarci proprio lì'”.

 

Corsa agli armamenti

Tutti gli stage degli U2 sono disegnati dalla compagnia londinese Stufish Entertainment Architects, la cui lista clienti include artisti come Madonna, Lady Gaga, Take That e Beyoncé.

“C’è sicuramente una corsa agli armamenti di alto livello tra le band”,

afferma il CEO dello studio Ray Winkler.

“Le band sono molto consapevoli del fatto che c’è concorrenza là fuori – quindi aspirano a offrire qualcosa di più grande, più luminoso e migliore”.

Ecco perché vedrai i Coldplay distribuire braccialetti che si accendono a tempo con la musica, o Beyonce e Jay-Z che fluttuano sopra le teste dei fan su una piattaforma idraulica.

Winkler chiede sempre ai suoi clienti le stesse domande:

“Qual è la storia che vuoi raccontare? Qual è l’arco emotivo dello spettacolo? E poi, quali sono i mezzi che possiamo usare per ottenerlo?
Solo perché hai la tecnologia, non significa che devi usarla. Devi usarla in modo intelligente.”

Gli U2 hanno lavorato a stretto contatto sul loro concetto di palcoscenico con Es Devlin, il designer britannico il cui lungo elenco di collaborazioni include Kanye West, Adele e la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Rio 2016.
Insieme, hanno trovato un modo di utilizzare gli schermi video che possono essere sia impressionanti che disorientanti.
Durante il brano di apertura The Blackout, le sagome della band sfarfallano dentro e fuori dalla staticità, come i fantasmi che cercano di entrare nel regno dei vivi.
Poi i musicisti vengono svelati, dentro la gabbia e si agitano in preda a una luce stroboscopica.
Ma lo spettacolo è altrettanto potente quando gli schermi salgono al soffitto e lasciano la band per eseguire Pride (In the Name of Love) su singoli podi situati ai quattro angoli dell’arena.

Hanno mai perso l’intimità di suonare nei club?

Risponde Adam Clayton:

“Erano grandiosi quando stavamo imparando il nostro lavoro, ma è molto difficile tornare là. Quando arrivi ai 30 anni, vuoi essere nei teatri e nelle arene. Non vuoi tornare indietro.”

È così che ci sono luoghi e schermi grandiosi. Ma la tecnologia all’avanguardia ha un costo.
Nel settore della musica, i prezzi medi dei biglietti sono al livello record di 96 dollari- in crescita del 14% rispetto allo scorso anno.
I biglietti degli U2 stanno su entrambi i lati di quella cifra, raggiungendo il prezzo incredibilmente alto di 400 sterline, ma arrivano anche a costare solo 40 sterline.

Afferma Bono:

“Ci piace pensare che il nostro pubblico non stia pagando il prezzo – questi siamo noi. Potremmo fare uno show spoglio in uno stadio, suonare i nostri più grandi successi e l’economia di ciò sarebbe tremendamente più giusta per la band, ma penso che sarebbe ingiusto per il pubblico. Stiamo cercando di offrire loro la migliore esperienza possibile e siamo pronti a pagare per questo … in gran parte”.

Photo © bbc.com

Dimostrando coi fatti quanto credono in questo progetto, la band ha rinnovato l’intero Experience Tour per la sua leg europea.
Ora si apre con le immagini del continente in rovina dopo la seconda guerra mondiale e si conclude con la band che si esibisce davanti alla bandiera dell’UE, facendo appello alla tolleranza e all’unità.

“Iniziare il concerto dopo quelle immagini devastanti delle rovine della Seconda Guerra Mondiale ci spaventava abbastanza”, dice Bono.
“Abbiamo aperto il tour a Berlino e c’era solo silenzio, per ragioni molto comprensibili. Ma dalle macerie è venuta questa idea dell’Europa e forse, anche se parliamo lingue diverse, potremmo in qualche modo usare la stessa voce. Penso che sia un concetto bello e romantico, l’Europa, ma è diventato un concetto freddo per molte persone. Pensa solo alla burocrazia a Bruxelles, motivo per cui immagino che molte persone nel Regno Unito volessero andarsene “.

 

Problemi vocali

La band ha pensato a come il messaggio pro-UE sarà accolto nel Regno Unito?

“Sarà sicuramente un’accoglienza interessante”, afferma Clayton. “Penso che il nostro pubblico sarà probabilmente diviso in diversi modi, e scommetto che quello che vogliamo vedere sarà ciò che ne uscirà.”

A livello personale, gli U2 sono particolarmente preoccupati per la situazione dei confini irlandesi.

“Dal momento che il processo di pace e quel confine si sono dissolti, per noi è stato un mondo completamente diverso”, afferma Clayton.
“Più ci siamo avvicinati all’Europa, più debole è diventato il confine, quindi siamo molto preoccupati per ciò che accade tra noi e il Nord”.

Photo © Danny North

Non fanno finta di avere qualche soluzione, anche se Bono si rivolge a Bruxelles dopo la nostra conversazione per scuotere alcune gabbie.
Invece il tema ricorrente del loro spettacolo è che l’amore può essere una forza per il cambiamento, la redenzione e la resistenza – anche se fai parte di una rock band che conquista il mondo.

“Penso che parte del sentimento di uno spettacolo degli U2 sia che noi quattro siamo rimasti uniti”, dice Bono.

Sul palco, ricorda che stavano registrando Achtung Baby a Berlino quando il muro è crollato, ma i membri della band stavano erigendo muri per conto loro.

“Era importante dire alla gente che non è sempre stato fiorito il giardino, come direbbe mio padre. Achtung Baby è stato un momento molto difficile per la nostra band. Abbiamo quasi rotto prima che avessimo quella canzone, One. Quindi ci sono stress e tensioni nel cercare di fare il tuo lavoro migliore, come facciamo ancora. Ogni notte deve essere la miglior notte della vita di chiunque. E sai una cosa? È un po’ troppo”.

Lo stress è venuto alla ribalta il mese scorso quando la voce di Bono è scomparsa durante un concerto a Berlino.
La band è stata costretta ad abbandonare lo spettacolo dopo solo sette canzoni – e il cantante era visibilmente emozionato mentre esprimeva con voce rauca le sue scuse al pubblico.

Bono dice:

“Non avevo nemmeno mal di gola prima del concerto. Ero completamente in perfetta voce e poi [schiocca le dita] non c’era più”.

Non è nemmeno la prima volta. Un caso simile di “gola arida” lo aveva colpito durante il Pop Mart Tour a Las Vegas, e nell’autobiografia degli U2 Bono ha rivelato che gli furono diagnosticate “allergie nasali”.
Quindi è quello che è successo a Berlino?

Bono risponde così:

“Probabilmente questa risposta è molto vicina alla realtà. È molto umiliante essere una persona che può sviluppare intense reazioni allergiche, non è così che vedo me stesso.”

 

Prendere una pausa

“Il fatto che sia accaduto di fronte a quasi 30.000 persone ha peggiorato la situazione”, aggiunge Bono. “Qualcosa come 5.000 di loro erano venuti da fuori la Germania, quindi non potranno recuperare il costo dei loro voli o dei loro hotel. Mi sento davvero male per questo, quindi troveremo un modo per ringraziarli”.

Per quanto riguarda la salute, il cantante non ha avuto belle esperienze nell’ultimo decennio. Ha avuto un’ernia del disco durante il 360° Tour e ha subito diverse fratture per un “bizzarro” incidente in bicicletta nel 2015.
Nelle note di copertina per l’ultimo album della band, Songs of Experience, fa riferimento anche a un recente “incontro con la mortalità” che ha ispirato molti dei suoi testi.

“Ho avuto alcuni problemi”, dice. “Ma loro se ne sono andati ed io no.”

Photo © Ross Stewart

Gli U2, tuttavia, stanno preparando una sorta di allontanamento dalle scene.

Mentre il concerto di Amsterdam volge al termine, Bono ringrazia il pubblico e dice:

“Non sappiamo quando ci rivedremo”.

Dato che la setlist è incentrata fortemente sul vostro capolavoro rock di metà carriera, state immaginando un simile periodo di reinvenzione?

Non necessariamente, dice Adam Clayton sorridendo:

“Ci siamo impegnati con tutto noi stessi, da quattro anni ormai – essendo costantemente in tour. Penso che abbiamo solo bisogno di andare via per un po’ e dare al pubblico una pausa.”

 

Traduzione a cura di Claudia Assanti @ClaudiaAssanti

Articolo originale “How U2’s technology is changing concerts for the better” di Mark Savage per BBC News

Video U2News,U2, wegotit

Foto in evidenza © @U2

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

UA-23020968-1