U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti

I 12 Minuti di Bad al Live Aid che cambiarono la storia degli U2

Inserito da on luglio 13 – 14:54 | 7.023 visite

Gli U2 arrivarono allo stadio Wembley di Londra alle 5:20 del pomeriggio; Avevano 20 minuti a disposizione sul palco tra Bryan Adams e i Beach Boys (entrambi hanno suonato a Philadelphia). Dopo essere stati introdotti da Jack Nicholson che li ha presentati dichiarando: “un gruppo che non ha mai avuto alcun problema a dire quello che pensa“, gli U2 hanno fatto il loro ingresso sul palco: avrebbero dovuto eseguire tre canzoni (Sunday Bloody Sunday, Bad e … Pride).

Vi riportiamo tramite le parole del giornalista Gavin Edwards minuto dopo minuto la performance degli U2 in questo evento storico che li ha portati da essere una band a stelle della musica.

 

00:00 Bono ha presentato la seconda canzone degli U2, come vediamo dalle immagini aeree, decine di migliaia di tifosi erano a Wembley. “Siamo una band irlandese“, dice Bono come introduzione. “Veniamo dalla città di Dublino, in Irlanda. Come tutte le città, ha le sue cose buone e le sue cose cattive” Bono continua: “Questa è una canzone e si chiama Bad“.

00:23 Bono è spettinato e stordito, come se fosse appena rotolato giù dal letto. Adam Clayton si asciuga il volto e toglie gli occhiali da sole che ha tenuto per tutta la canzone precedente cioè Sunday Bloody Sunday.

00:25 Tra la folla un sacco di cartelli con su scritto “U2“. Gli U2 avevano chiaramente conquistato il cuore della gente. A quel tempo, la band cercava di sfondare le porte degli USA. Il loro unico singolo in TOP 40 era stato “Pride” che aveva raggiunto la posizione numero 33 – ma nel Regno Unito le cose erano diverse; infatti erano riusciti a mettere tre singoli nella Top Ten e 2 album in classifica. Gli U2 così erano riusciti a guadagnarsi un posto al Live Aid il quale li avrebbe poi messi in risalto al popolo americano andando in mondo visione.
La sera prima dello spettacolo, però, a chiamare alle 2 del mattino fu il management degli U2 minacciando l’organizzatore del Live Aid, Bob Geldof che la band non avrebbe suonato se non avrebbe potuto effettuare un soundcheck. Geldof rispose: “Fottetevi”, e la band il giorno seguente suonò come da programma.

00:37 Alcuni synth anticipano l’apertura della canzone. The Edge ha effettuato alcune variazioni sulla chitarra per suonare Bad; Bad è probabilmente la sua migliore canzone, anche se  I Still Haven’t Found What I’m Looking For due anni dopo è divenuta la canzone di maggior successo.

00:56 Bono inizia a cantare: “Bum-bum-ba-bum-bum / Satellite of Love”, citando la canzone di Lou Reed Satellite of Love.

02:46 “If you twist and turn away / If you tear yourself in two again / If I could, yes I would / …” Bono canta con gli occhi chiusi per le 72.000 persone di fronte a lui.

03:43 “So let it go / and so fade away..” Bono canta mentre la telecamera zoomma sul suo profilo destro.

04:12 Una ragazza seduta sulle spalle di qualcuno scatta delle foto a Bono e alla band. Nel frattempo, Bono va verso la parte anteriore del palco, dove si inginocchia. Greg Carroll si districa il cavo del microfono di Bono.

05:17 Bono canta: “desperation/separation/condemnation/revelation/intemptation/isolation/desolation/isolation...”

06:09 Bono lascia cadere il microfono. Vaga per il palco, cercando di sollecitare la folla, intuendo che qualcosa nella performance della band era insufficiente. Salta fino a una stretta piattaforma che si trova al di sotto del palco principale dove sono situati i monitor. Si tratta di circa due metri sotto.

06:32 “Non mi piace la distanza tra il palco e la folla – Non mi piace la distanza tra attore e pubblico.” – ha detto Bono in seguito – “Quindi cercavo di lasciare un segno in questa giornata. Volevo trovare una ragazza nel pubblico. La trovai con gli occhi in prima fila e gli dico di venire.” Quella ragazza è Melanie Hills: “Bono guardò il pubblico e improvvisamente i nostri occhi si incrociarono” – ha ricordato – “Stava guardando in giro: ha detto, sì, tu, tu, vieni da me … Oh Dio – così gli uomini della sicurezza mi afferarono ma purtroppo mi bloccarono“.

06:50 Melanie Hills viene messa in sicurezza dalle guardie. Bono ancora ampiamente eccitato dal momento punta ad un’altra ragazza che stava accanto a Melanie: la sorella, Elaine Hills anch’essa però viene bloccata.

07:17 Bono, frustrato da quello che stava accadendo decise di saltare giù dal palco fuori dalla vista della band e dalla maggior parte della folla a Wembley, ma non fu così per le macchine fotografiche e le telecamere che inquadravano il momento storico in TV. Bono puntò ad una terza ragazza del pubblico. La terza ragazza aveva 15 anni ed il suo nome è Kal Khalique. “Io e mia sorella erano disperati eravamo lì per gli Wham!“.

Bonus per Live Aid

07:40 Khalique viene tirata fuori dalla folla e Bono la avvolse tra le sue braccia. Barcollano, caduta indietro di qualche passo e poi inizia una lenta danza, la sua testa era sepolta nella spalla di Bono. Khalique sembra felice ma sopraffatta dal momento. C’è voluta tanta fatica, ma Bono ha combattuto rompendo così una barriera tra la band e i fans. “Sapeva che quando ci tenevamo per mano, stava tenendo in mano il resto del mondo“, ha detto Bono in seguito. Bono le bacia la mano e poi ancora sulla guancia. Tutto questo ha una durata di circa 20 secondi.

 

08:10 Il resto della band ha perso il contatto visivo con Bono e sono nervosi. “Per quanto tempo si può fare questo?“, Ha detto MullenE ‘stato un po’ opprimente. Non sapevamo se smettere o continuare, non sapevamo se era caduto, non sapevamo se smettere o dove fosse andato“. The Edge ha dichiarato:” Sono contento che le telecamere non hanno mostrato il resto della band in tutto il suo dramma“.

08:18 Melanie e Elaine Hills sono in piedi sulla piattaforma in attesa che Bono risalga. Il cantante degli U2 abbraccia Melanie ed Elaine baciandole sulla fronte. Bono cerca un microfono.

08:36 .”Ci siamo!” grida Bono. A questo punto Bono sa benissimo che il suo gesto aveva rubato il tempo necessario per Pride. Oggi il Live Aid viene ricordato anche come il “Bad Day” degli U2. Bono riparte con “Let it go! Go! Go! Go! Let it Go!“.

09:43 Dopo un coro elettrizzante Bono aggiunge frammenti di altre canzoni dopo Bad: Ruby Tuesday dei The Rolling Stones Sympathy for the Devil e Walk on the Wild Side di Lou Reed. Decine di migliaia di persone cantano “doo doo doo, doo-doo-doo-doo.”

11:30 “Grazie!” dice Bono alla folla. “Dio vi benedica“. Così Bono aveva appena lasciato il suo segno nel mondo. Risalì il palco principale, prese un telo bianco con la folla in estasi che lo acclamava e la band che continuava il riff di Bad, salutò e lasciò il palco.

11:56 Il video si conclude con un breve colpo di un elicottero.

 

Dopo tutto ciò Mullen, Clayton e The Edge non erano felici di quello che era successo tra Bono e la folla e sopratutto pensavano fosse stato un peccato non aver potuto suonare la loro Hit principale che era Pride. “Ci siamo sentiti come se avessimo perso la nostra possibilità di essere grandi“, ha detto Mullen.

E ‘stata una grande giornata, ma ho pensato che forse avevo forzato troppo la mano“, ha detto Bono. Tornò in Irlanda con la moglie Ali, in visita ai suoi genitori a Wexford, meditando su quello che per lui era stato un fallimento. Durante la settimana seguente, tuttavia, il gruppo ha scoperto che la sua performance è stata considerata dai più come un punto alto del concerto. Il concerto degli U2 al Live Aid ha aiutato ad avere successo in America.

The Edge, “Davvero ci ha colto di sorpresa quando la gente ha iniziato a parlare di U2 come una delle prestazioni eccezionali della giornata. Ho pensato che stessero scherzando, ho davvero pensato che eravamo nella merda. Ma guardando indietro, come ho fatto una settimana dopo, ho cominciato a vedere di cosa si trattasse. E’ stato un vero e proprio azzardo, che è sempre emozionante in un evento live, inoltre ho apprezzato la determinazione totale di Bono nell’entrare in contatto fisico con la folla e a combattere per ben 2 minuti per ottenere tutto ciò“.

 

Fonte | U2fanlife

Foto | Dave Hogan / Hulton Archive / Getty Images

Tags: , , , , ,

UA-23020968-1