U2 The Joshua Tree Tour 2019

Setlist, articoli, video e foto del tour degli U2 in Oceania e Asia del 2019

Approfondimenti

Articoli che analizzano e raccontano la band, un tour, un progetto musicale extra U2, una collaborazione con altri artisti dal vivo, una canzone, una tematica, un album, e il pensiero dei fan

Songs of Experience

Tutte le notizie sull'album degli U2 pubblicato il primo dicembre 2017

U2 Experience + Innocence Tour

Setlist. articoli, video e foto del tour a supporto di Songs of Experience

Extra

Articoli su tutto quello che riguarda gli U2 NON a livello musicale (attivismo, ONE, (RED), impegno nel sociale, vita privata)

Home » Approfondimenti, Tutte le news sugli U2

SPECIALE ACHTUNG BABY: Who’s Gonna Ride Your Wild Horses, approfondimenti e curiosità

Inserito da on ottobre 5 – 08:30 | 4.200 visite

Che Achtung Baby sia stato un disco problematico nella sua genesi non lo scopriamo di certo noi,  tanto più in questo periodo che si respira sempre più aria di festeggiamenti per il ventennale del capolavoro dei quattro irlandesi.

Come hanno dichiarato Bono ed Edge di recente, non erano solo le divergenze creative a minare l’unità degli U2 ma anche la crisi familiare del chitarrista e forse qualcos’altro…

Who’s Gonna Ride Your Wild Horses parla di una ragazza che, secondo voci mai confermate, pare abbia intrattenuto una relazione clandestina con uno degli U2 già sentimentalmente impegnati (Larry, Bono ed Edge) con gli ultimi due fortemente “indiziati”.

Foto @Anton Corbijn

Questa relazione (ammesso che ci sia stata) deve essere stata davvero travolgente come vedremo leggendo il testo.

A noi in tal caso non è data sapere la verità, e anche se conosciamo l’integrità morale degli U2 come band, non ci esprimiamo sulle vicende private dei loro componenti, sempre ammesso che la canzone sia stata effettivamente ispirata ad un tradimento sentimentale.

Who’s Gonna Ride Your Wild Horses è a nostro parere un vero gioiello, con un testo bellissimo e quel “feeling” dolce-amaro che si trova solo negli U2.

“Sei pericolosa perché sei onesta
Sei pericolosa perché non sai quello che vuoi
Beh mi hai lasciato il cuore
Vuoto come una proprietà sfitta
Che ogni spirito può infestare

Nella prima strofa subito viene messa in chiaro la posizione da cui si scrive: la creazione di un vuoto lasciato in questo caso da una Lei misteriosa…

 

“Sei un incidente
Che aspetta di accadere
Sei un pezzo di vetro
Lasciato sulla spiaggia
Beh tu mi dici cose
Che sai che non dovresti dirmi
Poi mi lasci
Appena fuori portata

Questa fantomatica ragazza (magari conosciuta durante un tour) è davvero travolgente e spontanea e lo si evince da queste metafore della seconda strofa.

E poi si arriva al primo ritornello che mette un non so che di gioia seppure esprima rammarico e tristezza per il vuoto lasciato:

“Chi cavalcherà i tuoi cavalli selvaggi?
Chi annegherà nel tuo mare blu?
Chi cavalcherà i tuoi cavalli selvaggi?
Chi cadrà ai tuoi piedi?”

Chi cavalcherà i tuo cavalli selvaggi” è non solo una metafora che sta per “Chi prenderà il mio posto?” (come verrà detto esplicitamente più avanti) ma, in un certo senso, esprime ancora meglio l’energia vitale che questa persona poteva sprigionare.

“Beh l’hai rubato
Perché avevo bisogno dei contanti
E l’hai ucciso
Perché io volevo vendetta
Beh tu mi hai mentito
Quando ti ho chiesto di farlo
Piccola… possiamo rimanere amici?

Chi cavalcherà i tuoi cavalli selvaggi?
Chi annegherà nel tuo mare blu?
Chi cavalcherà i tuoi cavalli selvaggi?
Chi cadrà ai tuoi piedi?”

In questa strofa probabilmente si parla di alcune piccole avventure che uno dei “Nostri” ha vissuto con questa ragazza fino alla dolorosa conclusione della relazione.

La musica rallenta, The Edge cambia qualcosa negli accordi, e Bono scrive un passaggio lirico semplicemente magnifico che invito tutti a leggere, con estrema attenzione prima e ad ascoltare poi, per cogliere tutta la bellezza e l’armonia di quando ogni cosa è al suo posto.

“Più io giro alla larga
Il cacciatore farà peccato per la tua pelle d’avorio
Ho fatto un giro nella pioggia sporca
Fino ad un posto dove il vento grida il tuo nome
Sotto gli alberi il fiume ride
Di me e te …
Hallelujah Rosa Bianca dei Cieli
Le porte che tu apri
Io non posso proprio chiuderle”

 

Un’immagine semplicemente bellissima, questa donna deve aver davvero lasciato un segno, o meglio una ferita diciamo.

“Non girarti indietro
Non girarti indietro
Non girare indietro
Il tuo cuore zingaro
Non girarti indietro
Non girarti indietro ancora
Non girarti indietro
E non guardare indietro
Avanti amore
Non guardarti indietro

Chi cavalcherà i tuoi cavalli selvaggi?
Chi annegherà nel tuo mare blu?
Chi assaggerà i tuoi baci di acqua salata?
Chi prenderà il mio posto?
Chi cavalcherà i tuoi cavalli selvaggi?
Chi potrà domare il tuo cuore?”

Il fatto che la domanda “Chi prenderà il mio posto?” venga fatta ora esplicitamente ci fa capire che c’è ancora gelosia da parte di chi guarda ora la situazione.

Sicuramente lo spirito indomito e “zingaro” della ragazza è rimasta nella memoria del “Nostro”.

Curiosità

Questa canzone ha attraversato varie fasi di composizione e produzione (tant’è che ne esistono 4 o 5 take). Nelle prime versioni il brano, come viene riportato in interviste dell’epoca, era un pezzo molto più incentrato sull’amore con un testo diverso; la versione finale, invece, parla di più della gelosia sessuale che accompagna la fine di una relazione: un sentimento che prima o poi tutti sperimentano sulla loro pelle nella vita.

Musicalmente come abbiamo già detto questa canzone è un gioiellino, nel quale Bono si muove con liriche bellissime, un The Edge sempre creativo tra piano e chitarra, e Larry e Adam con una sezione ritmica più fluida che mai.

Due piccole curiosità riguardano i versi:

Il verso “Baby, can we still be friends?” in alcune performance live della canzone, successive alla pubblicazione dell’album viene cambiato da Bono in “Baby.. i am glad we’re still be friends” segno che quindi qualcosa in questi anni è cambiato…

Il verso “Hallelujah, heavens wide rows The doors you open I just can’t close” vedrebbe Bono citare addirittura il nostro Dante Alighieri e la sua Divina Commedia (ma non è un dato confermato ufficialmente); ciò starebbe a significare che la protagonista di questa canzone viene vista come una sorta di angelo inviato per portare un messaggio ben preciso che però non ci è dato sapere.

In fin dei conti Dio agisce in “modi misteriosi”…

 

Concludiamo con una stupenda versione del brano, eseguita live dagli U2 a Rotterdam, il 15 giugno 1992, durante lo Zoo Tv Tour:

 

Immagine in evidenza | Anton Corbijn

Tags: , , , ,

UA-23020968-1